Un unico abbonamento mensile per utilizzare tutti i mezzi di trasporto della Piana fiorentina.

Un unico abbonamento per la Piana fiorentina

Un unico titolo di viaggio che nei Comuni di Firenze, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Lastra a Signa, Sesto Fiorentino e Signa permetterà di utilizzare indifferentemente treno, autobus urbano e tram, passando da un mezzo all’altro senza preoccupazioni e con sensibili risparmi. Si tratta di “Unico metropolitano”, iniziativa sperimentale nata per volontà della Regione Toscana in accordo con i Comuni della Piana, la Città metropolitana di Firenze, Trenitalia e Ataf. Questa mattina l’accordo è stato siglato in Regione dall’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli, dall’assessore alla mobilità del comune di Firenze Stefano Giorgetti e dai rappresenti degli altri comuni coinvolti.

“Questa iniziativa avrà importanti benefici anche sul traffico a Firenze – ha sottolineato l’assessore alla mobilità del comune di Firenze – Agevolare dal l’utilizzo del mezzo pubblico anche mettendo a disposizione un abbonamento integrato rende ancora più appetibile usare treni, bus e tramvia e questo si traduce in una riduzione dei veicoli privati che entrano in città. E in questo caso oltre alla semplificazione di dover fare un solo abbonamento, c’è anche uno sconto significativo e sono convinto che questo sarà molto apprezzato dai cittadini”.

Il nuovo abbonamento sarà acquistabile in tutti i punti vendita Trenitalia dal mese di maggio 2019, con validità dal primo giugno 2019. Costerà 50 euro come tariffa mensile ordinaria e 41 euro per chi ha diritto alla tariffa agevolata Isee tpl (reddito familiare certificato Isee non superiore a 36.151,98 euro).

Un risparmio per i viaggiatori

Grazie ad Unico metropolitano chi ora è costretto ad acquistare due diversi abbonamenti mensili vedrà risparmi compresi tra i 17,5 ed i 32, 5 euro al mese. Infatti chi utilizza abbonamenti da 10 km oggi spende 71,5 euro al mese (35 euro di abbonamento Ataf cui si sommano 36,5 euro di abbonamento del treno) con Unico metropolitano ne spenderà 50, mentre chi oggi utilizza abbonamenti da 20 km oggi spende 82,5 euro al mese (35 di abbonamento Ataf in aggiunta a 47,5 euro di abbonamento ferroviario), mentre con Unico metropolitano ne spenderà sempre solo 50. Le tariffe si riducono per chi ha diritto allo sconto garantito dal tagliando Isee trasporti, ma il vantaggio rimane: oggi chi compra abbonamenti bus e ferroviari da 10 km paga complessivamente 58,5 euro, mentre con Unico metropolitano ne pagherà 41. Chi invece acquista abbonamenti da 20 km oggi paga in tutto 67 euro, mentre con Unico metropolitano ne pagherà sempre 41.

Leggi anche:  Un anno fa chiudeva Rodolfo: la pizzeria dei campigiani

L’obiettivo è favorire e rendere più conveniente l’uso del mezzo pubblico. Con la sperimentazione di “Unico metropolitano” viene proposta una soluzione semplice, pensata per chi viene a lavorare a Firenze con il treno e poi utilizza i bus urbani Ataf o la tramvia per spostarsi in città. Un lavoratore che fino ad oggi doveva acquistare biglietti diversi o fare due abbonamenti (ferroviario e Ataf) adesso potrò usare semplicemente ‘Unico metropolitano’, con un risparmio medio di 20-30 euro al mese.

Se l’iniziativa avrà successo potranno esser proposti anche singoli biglietti validi per tutta l’area. La sperimentazione è iniziata con l’abbonamento mensile un po’ perché si tratta della forma di bigliettazione più utilizzata dai pendolari ferroviari, un po’ perchè in questo modo il titolo di viaggio coprirà tutti i giorni e tutte le fasce orarie e potrà essere utilizzato anche per spostarsi per svago, così da incentivare una mobilità sempre più sostenibile e scoraggiare il ricorso all’auto privata.

Si potrà usare per treno, autobus urbano e tram

Dunque il nuovo titolo di viaggio permetterà di utilizzare: autobus Ataf e Linea che transitano nei Comuni di Firenze, Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Impruneta, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa e Vaglia, treni che fermano nelle stazioni a Firenze Santa Maria Novella, Firenze Rovezzano, Firenze Campo Marte, Firenze Statuto, Firenze Rifredi, Firenze Castello, Firenze Le Piagge, Firenze San Marco Vecchio, Firenze Le Cure, Firenze Porta al Prato, Calenzano, Pratignone, S. Donnino, Compiobbi, Caldine, Pian del Mugnone, Lastra a Signa, Il Neto, Sesto Fiorentino, Zambra, Signa, i tram della Linea T1 Leonardo e della Linea T2 Vespucci.

A fronte del risparmio dei cittadini, il mancato guadagno dei gestori del servizio sarà compensato dalla Regione Toscana che si è impegnata a compensare la differenza di proventi sulle tratte interessate da Unico metropolitano – rispetto allo stesso periodo del 2018 – con un contributo fino ad un massimo di 132.000 euro.

Se la sperimentazione dovesse funzionare ed incontrare i favori dell’utenza, saranno potenziati i collegamenti bus con le stazioni ferroviarie interessate e si valuterà l’estensione della validità del biglietto anche alle linee extraurbane.

LEGGI ANCHE: Piano conservazione e gestione del lupo in Italia: no abbattimenti selettivi