Ieri è stato approvato il masterplan per il nuovo aeroporto di Firenze.

Domani su BISENZIOSETTE un approfondimento con le reazioni, i commenti e soprattutto i passaggi futuri dei Sindaci interessati dalla realizzazione del nuovo aeroporto di Firenze che sono da sempre contrari a questo progetto per le ripercussioni negative sui territori.

Aeroporto di Firenze: senza strade inutile decollare

Un anno fa BISENZIOSETTE nel numero del 19 gennaio, aveva pubblicato un approfondimento partendo da quelle che sono le aziende più grosse sul territorio della Piana raggiungendo l’aeroporto e viceversa, evidenziando i tempi di percorrenza.

La cartina che mostra le aziende prese in esame e la loro distanza dall’aeroporto di Firenze

Realizzare un nuovo aeroporto a Peretola per garantire più voli e sfavorire lo sviluppo del territorio. Questi sono gli obbiettivi di questa nuova infrastruttura che stravolgerà completamente la configurazione della Piana Fiorentina.
Interventi impattanti sul territorio come lo spostamento del Fosso Reale o la creazione di una nuova oasi.
Nuova pista e tanti voli in più. E una volta scesi dall’aeroporto un imprenditore che deve raggiungere una ditta nei Comuni vicino a Firenze quanto tempo ci impiega? E’ questo il senso dell’inchiesta di questa settimana. Abbiamo scelto alcune ditte presenti sui nostri Comuni che lavorano con l’estero e, partendo dall’aeroporto, le abbiamo raggiunte in macchina per vedere quanto tempo ci impieghiamo. I mezzi pubblici sono del tutto assenti e abbiamo fatto la prova in auto. E’ venuto fuori che, se anche le distanze sono minime, come per esempio per la multinazionale Eli Lilly che si trova a Sesto Fiorentino, i tempi di percorrenza sono lunghi come si può vedere dalla cartina pubblicata al centro. Anche con la realizzazione della tramvia, lo scenario rimarrà invariato perché, sulla base del tracciato previsto, non farà tappa all’aeroporto.

Leggi anche:  Poggio a Caiano: numeri da record


Allora il problema non è realizzare un nuovo aeroporto a Peretola ma intervenire sulla viabilità nella Piana. E’ inammissibile impiegare quasi un’ora per raggiungere il capoluogo e non crediamo sia un bel biglietto da visita per un imprenditore che scende dal Vespucci, completamente rinnovato, trascorrere 40 minuti per raggiungere un’azienda vicina.
E’ inutile attrarre gente sul territorio se poi mancano infrastrutture adeguate e una viabilità efficiente.
Diamo le priorità a ciò che realmente serve e ripensiamo l’aeroporto di Pisa, che ha tutte le caratteristiche per diventare un fiore all’occhiello.

Calenzano

Campi Bisenzio

Val di Bisenzio

CarmignanoSigna

Quarrata

LEGGI I COMMENTI ALL’APPROVAZIONE DEL MASTERPLAN:

TOCCAFONDI E NENCINI SODDISFATTI

IL NO DI CAMPI BISENZIO

FALCHI (SESTO FIORENTINO): “IL GOVERNO TRADISCE IL MANDATO DEGLI ELETTORI”