Alla Bbc per realizzare il suo sogno grazie al video su Montemurlo. Mattia Bicchi, 31 anni, ha creato il video dedicato al suo territorio e adesso lavora in tutto il mondo.

La sua storia era uscia su Bisenziosette del 9 marzo scorso.

Alla Bbc per realizzare il suo sogno grazie al video su Montemurlo

Un vero e proprio film che in pochissimi minuti riesce a raccontare Montemurlo, i suoi luoghi, la sua gente e le sue tradizioni; è proprio questa infatti l’emozione che il video «Montemurlo, un anno un giorno», promosso dal Comune, riesce a regalare a chi lo vede. Il merito di essere riuscito a raccontare così bene questa realtà è del montemurlese Mattia Bicchi che lo ha realizzato con Urban Studios di Ivan Marianelli.
Nato a Prato e vissuto a Montemurlo fino al 2010 il 31enne Mattia Bicchi si sta facendo conoscere in giro per il mondo grazie alla sua professionalità e alla grande passione per il suo lavoro.

Ci parli un po’ di lei e del suo lavoro…

«Otto anni fa ho lasciato il mio lavoro come venditore di benzine da competizione e mi sono trasferito a Londra per cercare di realizzare il mio sogno di diventare fotografo. Dopo aver finito un corso di fotografia professionale al London College of Communication e lavorato in un Pub per due anni, ho iniziato a specializzarmi in TimeLapse e Hyperlapse, la quale mi ha dato l’opportunità di lavorare con agenzie pubblicitarie e grandi, piccole films production come la Bbc, Itv, Ford Virgin Atlantic e molte altre. Le quale mi hanno permesso di viaggiare moltissimo in questi ultimi anni».

Come è nata questa collaborazione col Comune di Montemurlo?


«L’anno passato è uscito un bando pubblico per realizzare un video sul territorio di Montemurlo e ho pensato che sarebbe stato una bella opportunità per finalmente creare un video sulla mia città usando la tecnica del TimeLapse e Hyperlapse, che ancora non sono molto conosciute in Italia. Quindi ho chiamato Ivan Marianelli, un mio amico fotografo, proprietario di Urban Studios e gli ho chiesto se era interessato in questo progetto. Così da avere un talento pratese e un’azienda del territorio».

Quanto tempo ci ha messo per riuscire a realizzare questo video?


«Il primo video fatto per questo lavoro è stato girato nel marzo 2017, vivendo a Londra ho dovuto scendere più di una volta per realizzare al meglio tutte le sequenze e essere presente ai vari eventi annuali che Montemurlo offre. Quindi in totale ci sono voluti nove mesi più o meno».

Ha usato tecniche particolari?

«Le tecniche usate per creare questo video sono state varie, l’idea era di girare un video in formato cinematografico invece che documentaristico o turistico e per riuscire in questo, abbiamo utilizzato Drone, TimeLapse, Hyperlapse e slowmotion».

Quante persona sono state coinvolte nel progetto?

«In questo progetto hanno lavorato in molti, dal compositore della musica al colorista, in totale il team era formato da una decina di persone. Tutti talenti del territorio di Montemurlo, Prato e Pistoia.

Come sono state le reazioni a questo lavoro?

«Il giorno della premier alla Sala Banti a Montemurlo è stato speciale, si sono presentati in molti a vedere il video, la sala era piena e c’erano tante persone in piedi. Alla fine del video hanno applaudito tutti per più di un minuto, è stata un esperienza incredibile, mi hanno ringraziato in tanti all’uscita del teatro, tutti molto fieri della propria comunità e della città in cui vivono, addirittura qualcuno aveva lacrime di gioia nel loro volto. Una volta pubblicato su internet la reazione delle persone è stata molto positiva».

Quali sono i prossimi progetti a cui sta lavorando?

«Sono appena arrivato in Spagna dopo un viaggio di tre mesi in Sud America con mia moglie, quindi in questo periodo sto creando dei video fatti in Sud America per un’agenzia stock. In oltre nei prossimi mesi ho dei lavori con la Bbc e Ford».

INCENDIO A MONTEMURLO: LA SOLIDARIETA’ DEI VICINI CHE OSPITANO GLI ANZIANI.

Leggi anche:  La storia di Giovanni Baldi, il medico dei quarratini

TORNA ALLA HOME.