Cattivi odori, incontri con enti e cittadini per definire le strategie. Il Sindaco: “costante disponibilità ad ascoltare e affrontare i problemi dei cittadini con azioni concrete”.

Cattivi odori

Come annunciato durante la scorsa seduta del Consiglio Comunale, si è tenuto un incontro tra l’Amministrazione di Calenzano, la Regione Toscana, Arpat e Asl per definire le strategie future in merito alla qualità dell’aria e ai cattivi odori rilevati a Settimello.

“Convocheremo nei prossimi giorni il Comitato Aria e Vita e gli ‘annusatori’ del progetto ‘nasi’ – ha detto il Sindaco Riccardo Prestini -, con i quali abbiamo già avuto incontri nelle precedenti settimane, raccogliendo le loro segnalazioni e richieste. L’incontro servirà a fare il punto della situazione e a concordare le azioni future. A dimostrazione della nostra costante disponibilità ad ascoltare e ad affrontare i problemi dei cittadini con azioni concrete”.

Progetto nasi

Nei mesi scorsi gli uffici comunali hanno raccolto tutte le segnalazioni del “progetto nasi”, che Arpat ha incrociato con i dati metereologici, arrivando ad individuare possibili sorgenti dei cattivi odori. In alcuni casi si tratta di aziende per le quali sono in corso verifiche da parte di Arpat, in altri casi erano sorgenti temporanee dovute, esempio più recente, all’incendio abusivo di rifiuti in alcuni cantieri. Attività questa che è stata sanzionata dalla Polizia Municipale. Concluso il “progetto nasi” le attività di verifica e controllo sono proseguite, a cura degli uffici comunali.

Leggi anche:  Maltempo in Toscana, il Presidente Enrico Rossi dichiara lo stato di emergenza

Settimello nel programma di rilevazione regionale

Nel corso dell’incontro istituzionale è stato richiesto alla Regione Toscana l’inserimento di Settimello nel programma di rilevazione della centralina mobile per l’analisi della qualità dell’aria. Nei prossimi giorni si terrà un nuovo incontro con l’Università di Firenze, per mettere a punto un progetto di rilevazione delle polveri nella zona di Settimello con centraline messe a disposizione dall’Università stessa. Progetto con il quale Arpat si è detta disposta a collaborare.

LEGGI: MORTO IL MEDICO ALESSANDRO QUERCI, EX RESPONSABILE DEL 118