Cena ai piedi del Duomo di Firenze, grande successo per l’evento “il cuore di Firenze”.

Cena ai piedi del Duomo di Firenze

Cena ai piedi del Duomo di Firenze. Un successo annunciato, reso più bello dal grande cuore di Firenze. Mille persone hanno partecipato ieri sera alla cena di beneficenza con un obiettivo comune: contribuire all’acquisto di 100 defibrillatori – forniti dalla Iredeem Spa – da donare alle scuole fiorentine e promuovere corsi di formazione per abilitarne all’utilizzo.

Il progetto ha visto in campo la straordinaria collaborazione delle Istituzioni Caritatevoli fiorentine e con l’appoggio dei principali enti e di realtà commerciali locali. Promotori del progetto sono gli enti storici fondativi della carità a Firenze: la Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze, Montedomini, la Compagnia del Bigallo, la Fondazione Santa Maria Nuova Onlus, l’Istituto degli Innocenti. Il patrocinio della Regione Toscana, del Comune di Firenze, dell’Arcidiocesi di Firenze, dell’Opera di Santa Maria del Fiore e della Camera di Commercio di Firenze. Partners dell’iniziativa sono: Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Federazione Regionale delle Misericordie della Toscana, Coordinamento Misericordie Area Fiorentina, Anpas Toscana, Croce Rossa Italiana, Fondazione CR Firenze, Iredeem Spa, Toscana Aeroporti, Radio Toscana, Ataf, Cesvot, Confindustria Firenze, Confcommercio Firenze, Confartigianato Firenze, Confesercenti Firenze, Unitalsi Toscana, Museo del Calcio,  Rotary International, Lions International, La Compagnia di Babbo Natale, Liberi di Educare, Madonnina del Grappa, Real Media, Media Firenze. Hanno contributo alla realizzazione della serata:  azienda Frescobaldi,  Enoteca Pinchiorri, Teatro del Sale,  Cdo, Peragnoli-Scar, Foto Locchi, Mati 1909, Unicoop.

Leggi anche:  "Sulla mia pelle", il film su Stefano Cucchi a Calenzano

Il racconto della serata

La serata si è aperta con la preghiera alla Madonna della Misericordia situata nella Loggia del Bigallo alla presenza dell’arcivescovo di Firenze, Giuseppe Betori, del  sindaco di Firenze, Dario Nardella e di tutti i rappresentanti delle associazioni e degli enti caritatevoli della città. L’immagine,  risalente al ‘300 è  la più antica di Firenze. Il testo della preghiera è stato consegnato a tutti i partecipanti.

Nel corso della cena, l’intrattenimento è stato intervallato da un’asta i cui premi sono stati offerti da Enoteca Pinchiorri, da Fabio Picchi e da foto Locchi. La lotteria, invece, proseguirà fino al 20 dicembre 2018 con l’estrazione di un premio importante: un’auto Volvo modello XC40, grazie alla collaborazione della concessionaria Peragnoli-Scar.

“Il grande cuore di Firenze ci ha permesso di realizzare un sogno. Grazie a tutti – commenta  Luigi Paccosi, presidente Montedomini – E’ stato un evento unico, che ha visto il coinvolgimento e la collaborazione di tutta la città. Ci aspettavamo una bella risposta, ma la realtà ha superato le attese. Adesso possiamo dare il nostro contributo ad un progetto concreto di solidarietà, che valorizza e rafforza il senso civico nei giovani. Vogliamo che “Il Cuore di Firenze” diventi un evento fisso, con sempre nuovi obiettivi da raggiungere”.