Centro culturale Sandro Pertini: dar vita a incontri, dibattiti, seminari e occasioni di studio sui temi della politica e dell’economia seguendo come “guida” il pensiero di Sandro Pertini.

Centro culturale Sandro Pertini: l’inaugurazione sabato 4 maggio

Nasce con questo obiettivo a Prato il centro culturale “Sandro Pertini”, inaugurato nella mattinata di ieri, sabato 4 maggio, nei locali del circolo Giacomo Matteotti di via Verdi. A “tenerlo a battesimo”, l’ex parlamentare e docente universitario Valdo Spini, che ha detto:

«Sandro Pertini è il presidente partigiano che ha saputo essere il presidente di tutti gli italiani per la coerenza con cui ha portato avanti i valori di giustizia e libertà. Oggi che dobbiamo ricomporre un’iniziativa di grande respiro civile e ideale dobbiamo recuperare appieno la dimensione della tradizione del socialismo italiano che Pertini incarna con grande efficacia».

La dedica a Pertini

Dedicato alla figura del grande statista, tra i padri della nostra Repubblica, al suo pensiero e al contributo che ha dato alla storia del Paese, il centro, con sede nella storica casa del socialismo pratese, in via Verdi, nasce – come spiega il presidente Filippo Vasco – come associazione aperta a tutti, in particolare ai giovani, per stimolare il confronto fra le molteplici sensibilità della sinistra italiana al fine di contribuire a disegnare una prospettiva e una visione, modernamente socialista, intorno alla quale ricostruire il senso di una comunità democratica e popolare.

Leggi anche:  Una nuova centenaria a Carmignano

Le parole di Risaliti e Grasso

A fare da madrina e da padrino al nuovo centro culturale, l’avvocato Marina Grasso e Andrea Risaliti, candidati al consiglio comunale di Prato nella lista civica Biffoni19.

«La politica è impegno sociale e civile, e in questo la figura di Pertini è per chiunque vi si affacci un esempio, che, nel mio piccolo, cercherò di seguire – ha detto Marina Grasso –. Perché rappresenta un vissuto di valori come solidarietà, uguaglianza, giustizia e coraggio trasformati in attività concrete».

«Quelli incarnati da Pertini sono valori che purtroppo oggi stiamo perdendo – ha aggiunto Andrea Risaliti –, come quelli del rispetto della democrazia e del ruolo delle istituzioni pubbliche. È importante perciò recuperarli, e far sì che diventino lo “spirito guida” di ogni cittadino, come di ogni politico».