Arriva il 29 settembre a Firenze “Corri la vita” , la corsa di solidarietà per la lotta contro il tumore al seno, e mostre e musei aprono gratuitamente le loro porte  a chiunque indossi la maglia ufficiale della manifestazione o esibisca il certificato di iscrizione. L’iniziativa non è nuova, ma quest’anno saranno coinvolti anche alcuni dei comuni vicini: Prato, Empoli, Pistoia, Montelupo Fiorentino e Borgo San Lorenzo.

Coinvolte anche Prato, Empoli, Pistoia, Montelupo e Borgo San Lorenzo

“Approfittate” è l’invito della vice presidente ed assessore alla cultura, Monica Barni.

“Una volta allestiti, i luoghi della cultura vanno fatti vivere – ripete – Ci sono ancora troppe persone che non non hanno mai messo piede in una biblioteca o varcato le soglie di un museo. E’ un problema italiano ma anche toscano. Al centro dell’agenda della giunta regionale, in questi quattro anni, c’è stata la volontà di far vivere i luoghi della cultura, non solo quelli delle grandi città, e sinergie con iniziative sportive o sociali, come in questo caso, possono aiutare a centrare l’obiettivo”.

Sono sette le strutture dove si potrà entrare gratuitamente la mattina del 29 settembre, dalle 9 alle 13: la limonaia di villa Strozzi in via Pisana, la chiesa di San Bartolomeo a Monte Olivo, il vecchio conventino in via Giano della Bella, il chiostro e la sala ex Leopoldine in piazza Tasso, la sala Vanni in piazza del Carmine, Palazzo Rinuccini e il Teatro Ottavio Rinuccini in via Santo Spirito, il Palazzo Lenzi (l’Istituto francese di Firenze) in piazza Ognissanti.

Leggi anche:  Anteprime toscane, in 4mila al "Chianti Lovers"

Al pomeriggio le possibili mete diventano addirittura ventidue: Palazzo Strozzi, il Museo Ferragamo, Da Vinci Experience, il Museo Novecento, il Museo Bardini, il Forte Belvedere, il complesso monumentale di Santa Maria Novella, Gucci Garden in piazza della Signoria, il Museo del calcio, il Museo Marino Marini, il deposito del Carro del fuoco, il Museo Stibbert, il Gabinetto di fisica della Fondazione Scienza e Tecnica, il Museo degli Innocenti e fuori città il Museo Galileo Chini a Borgo San Lorenzo, il Museo della ceramica a Montelupo Fiorentino, il Museo del vetro ad Empoli, il Museo della Collegiata e la Casa del Pontormo di nuovo ad Empoli, il Museo del tessuto e il Museo Pecci a Prato, Palazzo Buontalenti a Pistoia.

Leggi anche: Scandalo diplomi facili: coinvolte anche Prato e Firenze