Educazione alimentare e ambientale: diffondere comportamenti corretti di educazione alimentare e ambientale sensibilizzando bambini e famiglie e creare un legame più forte con il proprio territorio introducendo nelle mense scolastiche piatti e ricette della tradizione attraverso l’uso di prodotti biologici e di provenienza toscana. Sono gli obiettivi emersi nel corso della riunione della Commissione mensa scolastica del Comune di Colle di Val d’Elsa, tornata a riunirsi lo scorso 5 novembre, dopo due anni di assenza.

Educazione alimentare e ambientale: si riunisce la commissione

«La commissione – dichiara l’assessore all’istruzione e alla scuola del Comune di Colle Val d’Elsa Serena Cortecci –  vuole essere soggetto promotore di iniziative di sensibilizzazione all’interno della scuola sui temi legati ad una sana alimentazione, ma anche nei confronti della comunità, in modo da attivare processi positivi di partecipazione e confronto su questioni e tematiche importanti come questa, che coinvolgono e riguardano tutti noi».

L’incontro

All’incontro, oltre all’assessore Cortecci, hanno partecipato rappresentanti dell’ufficio scuola del Comune, Il responsabile del servizio mensa Roberto Scolari e la dietista Elisa Scalacci, che ha illustrato i menù adottati nelle scuole a genitori e insegnanti delle scuole colligiane dell’Infanzia, della primaria e dell’asilo nido comunale.

«A partire da quest’anno scolastico – aggiunte l’assessore Cortecci –  infatti farà parte della commissione anche l’asilo, con l’intento di porre attenzione e continuità sui temi dell’alimentazione e della crescita dei nostri bambini e sull’importanza educativa della valorizzazione del momento del pasto».

Eletti Presidente e segretario

Nel corso della riunione sono stati eletti il Presidente della Commissione e un segretario, come previsto dal regolamento comunale; sono stati illustrati inoltre i progetti che l’azienda “Multiservizi” intende proporre in collaborazione con l’amministrazione nelle scuole del comune (tra di essi anche quello dei “genitori assaggiatori”).

Leggi anche:  Influenza 2019: nel giro di un mese colpite già 341mila persone

LEGGI ANCHE:Badante evade le tasse: oltre 80mila euro mai dichiarati 

LEGGI ANCHE:Cadavere nel torrente Pescia: ancora ignota l’identità

TORNA ALLA HOME PER ALTRE NOTIZIE