Figlia di un noto medico, da 14 anni lotta per il riconoscimento. Fiorella è venuta in redazione a Bisenziosette per ringraziare dell’articolo uscito nel numero del 14 dicembre e per fare gli auguri di Natale a tutti i lettori del giornale che in questa settimana, dopo l’uscita dell’articolo, le hanno dato tanto sostegno.

Figlia di un noto medico, lotta per il riconoscimento

Da 14 anni porta avanti una battaglia per ottenere il cognome di suo padre che, in punto di morte, aveva deciso di riconoscere quella figlia nata da una relazione clandestina. E’ questa la storia di Fiorella Nannini, 67 anni, campigiana, che durante l’adolescenza ha scoperto che il suo vero babbo non era Nannini ma il dottor Giorgio Conti di Campi Bisenzio. Una scoperta che le ha cambiato la vita per sempre. Da quel giorno Fiorella ha tenuto dentro il suo segreto, il padre era sposato e lei lo poteva vedere soltanto quando andava in ambulatorio. «Quando venni a sapere che il dottor Giorgio Conti era il mio vero padre – ha detto Fiorella – per me fu un vero e proprio choc. Avrei voluto conoscerlo, stare con lui ma all’epoca tutto questo era impensabile. Lo vedevo quando mia mamma mi portava da lui per delle visite e mi ricordo che mi dava dei pizzicotti sulla guancia. Non sono riuscita a frequentarlo come avrei voluto ma, dentro di me, ho un bel ricordo di lui. Era un uomo intelligente, deciso e sempre sorridente. Era una bella persona. A Campi se lo ricordano in molti e questo mi fa piacere».

Leggi anche:  Biblioteca comunale Poggibonsi: aperti nuovi spazi VIDEO

L’articolo completo con la storia di Fiorella è su Bisenziosette ancora in edicola.

In questi giorni sono state molte le persone che l’hanno fermata per strada per darle il loro sostegno dopo aver letto la sua storia su Bisenziosette.
Per questo motivo Fiorella è tornata in redazione per ringraziare tutti e fare gli auguri di buon Natale.

INSEGNANTE CHIAMATA A SUONARE PER JOVANOTTI.