Gli atleti della nostra provincia protagonisti della festa regionale della scherma svoltasi a Prato

 

Gli atleti della nostra provincia sono stati protagonisti della festa regionale della scherma svoltasi a Prato presso l’auditorium dell’istituto Keynes. La manifestazione costituisce ormai un tradizionale appuntamento durante il quale il Comitato Regionale premia gli atleti, i tecnici e i dirigenti che si sono distinti durante lo scorso anno agonistico. La formula è quella degli “Oscar”, che hanno individuato le eccellenze del movimento regionale categoria per categoria. Le autorità presenti, in perfetto stile Hollywoodiano, hanno provveduto a leggere le motivazioni ed a proclamare i vincitori. E in molte categorie il riconoscimento è stato conferito proprio ad atleti e dirigenti delle due società presenti in provincia. Per la Scherma Pistoia 1894, Letizia Baria è stata nominata “atleta paralimpico dell’anno” per i suoi grandi progressi culminati con la doppia medaglia di bronzo (fioretto e spada) ai campionati italiani assoluti di Palermo; Antonio Vannucci ha ricevuto il premio “atleta master dell’anno” grazie alla sua prima convocazione azzurra ai campionati mondiali disputatisi al Cairo ed infine Simone Ravagli si è fregiato del titolo “dirigente dell’anno” per la coraggiosa scelta di fondere la società di cui era presidente, lo Sporting Prato, con l’ormai ex Chiti Scherma per fondare, appunto, la scherma Pistoia 1894. Al CS Agliana è andato il prestigioso premio riservato all’atleta dell’anno, assegnato a Tommaso Martini, capace la scorsa stagione di conquistare la medaglia di bronzo ai campionati europei e la medaglia d’argento ai campionati italiani under 17 e già ripetutosi quest’anno a livello di under 20 con la vittoria nella prima prova di qualificazione dei campionati italiani. Premiati anche i campioni regionali under 14, fra i quali figurava anche Davide Cutillo della Scherma Pistoia, vincitore del titolo nella categoria ragazzi fioretto.

Leggi anche:  Coronavirus: Confcommercio Toscana e le federazioni regionali del turismo chiedono lo stato di calamità