La Manifattura dolciaria toscana Masini, il cui stabilimento produttivo si trova da sempre a Lastra a Signa, compie proprio quest’anno un compleanno straordinario raggiungendo i primi novant’anni dalla sua fondazione. Quella del biscottificio Masini è una storia che viene da lontano e che ancora oggi continua, da tre generazioni, una esperienza fatta di dolcezza e genuinità nel cuore della Toscana.

In vista dell’importante anniversario, l’azienda, proprio in questi giorni, prima a Verona a Vinitaly e poi a Parma con Cibus, presenterà un’apposita latta contenente i migliori biscotti recante il logo realizzato in occasione del 90esimo compleanno.

La storia del biscottificio Masini

“La storia della nostra ditta fondata da mio nonno Angiolo e poi portata avanti da mio padre – ha raccontato con orgoglio Marco Masini,  oggi 76enne titolare dopo aver trascorso in azienda una vita vocata al lavoro – inizia nel 1929 con un piccolo forno nel comune di Lastra a Signa. La concessione per l’installazione di un “forno per biscotti” emanata dal Comune era, addirittura,  la n.001. Nel corso degli anni la ditta ha sempre prodotto biscotteria e prodotti lievitati, adeguandosi alle esigenze del mercato, pur mantenendo i propri tratti e prodotti caratteristici, tra cui i cantuccini alla mandorla e al cioccolato”.

Tra tradizione e innovazione

“Tuttora di proprietà della nostra Famiglia, l’azienda continua la tradizione nel rispetto delle ricette originali e con l’aiuto di moderne tecnologie di produzione – ha spegato – Attualmente la produzione, che si svolge all’interno dei 2500 mq dello stabilimento di Via Livornese,  è basata sui cantuccini toscani alle mandorle o al cioccolato, produciamo inoltre un’ampia gamma di biscotti biologici e, naturalmente, le celeberrime “Mattutine al latte”, soffici brioches dolci da farcire, apprezzate in tutta la Toscana e l’Umbria, realizzate senza conservanti nè grassi idrogenati”.

La storica azienda però ha anche saputo rinnovarsi:

“La nostra forza – ha detto con una punta d’orgoglio Masini –  è stata quella di mutare la produzione secondo le esigenze di mercato: dai savoiardi, ai semi lavorati per le torte gelato, oggi da circa 15 anni abbiamo acquistato anche il marchio “Lenzi” ed il marchio “Biscotti di Prato” che vengono prodotti e distribuiti insieme al nostro marchio. Attualmente in azienda abbiamo 11 addetti grazie ad una linea di produzione molto automatizzata ed esportiamo oltre il 50% dei prodotti all’estero. L’anno scorso abbiamo prodotto oltre 160.000 tonnellate di cantuccini che in parte abbiamo collocato in Italia anche mediante la grande distribuzione.

Dal 2014 – ha continuato il titolare –  alla produzione tradizionale abbiamo affiancato la produzione biologica  e abbiamo iniziato a sviluppare le ricercate crostatine che in tutta Italia facciamo solo noi ed un’altra azienda. I nostri prodotti sono garantiti al 100% ed il laboratorio di produzione è certificato secondo i più moderni standard internazionali di qualità e processo”.

Certo le difficoltà in tanti anni non sono mancate, ma sono sempre state superate:

“In questi 90 anni, certo, non sono mancati i momenti difficili come l’alluvione del 1966 che bloccò per mesi la nostra produzione o altri periodi di crisi, ma abbiamo sempre dimostrato costanza e sacrificio. Ancora oggi arrivo in ditta già alle 7.30 e se c’è da aggiustare un macchinario, sono il primo a darmi da fare”.

Un esempio straordinario di resistenza imprenditoriale che fa del biscottificio Masini un insostituibile modello di famiglia, qualità e tradizione.

Leggi anche:  25 aprile: le celebrazioni a Poggibonsi

LEGGI ANCHE: E’ campigiano il tatuatore delle star di Hollywood