Il Club del Punto in croce alla mostra internazionale dell’artigianato

 

Il club del Punto in croce parteciperà anche alla 83° edizione della importante Mostra internazionale dell’artigianato che si terrà a Firenze dal 24 aprile al 1 maggio. Per festeggiare il venticinquennale dell’Associazione verranno esposte opere referenti alle tre mostre più importanti e “colte” organizzate nel corso degli anni da Il Club del Punto in Croce: quella del 2002 a Impruneta dedicata al “Cuscino del Vescovo degli Agli”, antico reperto tessile realizzato con tecnica Patchwork ante 1477.

La mostra del 2006, ispirata alla Coperta Guicciardini

La mostra del 2006 esposta allo Spedale degli Innocenti a Firenze, ispirata alla Coperta Guicciardini, reperto tessile della fine del 1300. Infine la mostra “La Castellana di Vergy” del 2013/2014, ispirata agli affreschi (II° parte del XIV secolo) e agli arredi di Palazzo Davanzati presentata nel 2013 a palazzo Borghese  e a palazzo Davanzati e alla mostra internazionale dell’artigianato nell’aprile del 2014. Si tratta di un insieme armonico di lavori impeccabili, ognuno dedicato a particolari diversi che hanno saputo ispirare delle piccole meraviglie, ricamate dalle sapienti mani delle allieve dell’insegnante Marta Bellini o realizzate a Tombolo, o ancora con tecnica Patchwork. Pezzi unici, ancora oggi realizzati con tecniche antiche, che le iscritte al Club del Punto in croce vogliono che continuino a vivere, attraverso le loro mani e i loro intendimenti per fare sì che altre persona possano imitarle, per continuare a tenere vivo interesse e amore per questo mondo manuale che affonda le radici nella nostra cultura e nel nostro passato remoto.

Leggi anche:  Da eroe a mostro: la storia di Roberto

La mostra vuole premiare un’artigianato di qualità

L’83° Mostra internazionale dell’artigianato vuole proprio premiare l’artigianato di qualità, quello che confina con l’arte e/o che sconfina nell’arte. Tutte le tecniche manuali legato all’ago e al filo, tradizionalmente, si sono spesso sposate nei secoli, con l’arte. Lo testimoniano a Firenze alcuni cartoni preparatori dei maestri trecenteschi e quattrocenteschi, che hanno fornito basi sublimi per ricami come il “Parato di San Giovanni” /1466-1488) di Antonio Pollaiolo che possiamo ammirare al Museo dell’Opera del Duomo, o il “Paliotto dell’Assunta con storie della Vergine” (1466) meraviglioso paliotto su disegni di Paolo Schiavo (conservato nel museo di Santa Maria Novella), o ancora l'”Incoronazione della Vergine” (1336) di Jacopo Cambi alla galleria dell’Accademia di Firenze. Si chiamano Arti Minori, ma al Club del Punto in Croce vengono considerate Arti con la A maiuscola, da osservare, studiare, amare e da cui trarre ispirazione. Come tradizione, le insegnanti del Il Club del Punto in Croce effettueranno dei laboratori giornalieri gratuiti di un’ora circa, aperti a tutti gli interessati di: Tombolo, Patchwork, Punto in croce, Trapunto Fiorentino, Macramè, Broderie Suisse, Maglia, Punto Crivo, Blackwork, Ricamo classico a telaio. Saranno comunque a disposizione per consigli, suggerimenti, dimostrazioni personalizzate. Orario: tutti i giorni dalle 10 alle 20.