Il ComunediMonteriggioni regala un kit di 1.000 stoviglie biodegradabili e compstabili alle associazioni che ne faranno richiesta come incentivo per ridurre i rifiuti in occasione di sagre, feste e manifestazioni sportive organizzate sul territorio comunale e favorire la crescita della raccolta differenziata. Le domande possono essere già presentate compilando il modulo disponibile sul sito internet del Comune di Monteriggioni.

Stoviglie biodegradabili e compostabili

Un kit di mille stoviglie compostabili e biodegradabili regalato alle associazioni che ne faranno richiesta come incentivo per ridurre i rifiuti in occasione di sagre, feste e manifestazioni sportive organizzate sul territorio comunale. E’ questa la nuova iniziativa del Comune di Monteriggioni per favorire la crescita della raccolta differenziata coinvolgendo la comunità locale e aumentare la sensibilizzazione su riduzione dei rifiuti e tutela dell’ambiente. Le domande possono essere già presentate compilando il modulo disponibile sul sito Internet del Comune di Monteriggioni,www.comune.monteriggioni.si.it, nella sezione Avvisi pubblici.

Come sarà composto il kit

Il kit di stoviglie biodegradabili per le associazioni di Monteriggioni sarà composto da 300 piattipiani, 300 piatti fondi, 150 cucchiai, 150 forchette e 100 coltelli. Nella richiesta, l’associazione si impegnerà anche a effettuare la raccolta differenziata in maniera corretta, suddividendo i rifiuti per tipologia merceologica e rispettando le indicazioni fornite da Sei Toscana, soggetto gestore della raccolta dei rifiuti. Le stoviglie biodegradabili e compostabili assegnate dal Comune potranno essere utilizzate esclusivamente in occasione della manifestazione per cui sono state richieste e dovranno essere conferite, insieme agli scarti alimentari, nei contenitori riservati alla raccolta dell’organico. Le associazioni che aderiranno all’iniziativa, inoltre, si impegneranno a integrare il proprio fabbisogno di stoviglie con materiale analogo, utilizzando altre stoviglie e bicchieri compostabili e biodegradabili, e a promuovere il contenimento della produzione di rifiuti attraverso la somministrazione di cibi e bevande sfuse con “vuoti a rendere” e l’utilizzo di stoviglie riutilizzabili oppure biodegradabili.

Leggi anche:  Eleonora, l'avvocatessa che trasforma la malattia in arte