E’ stato richiesto un Consiglio comunale straordinario per discutere la situazione della Motorizzazione civile e di un ufficio sul territorio pratese che vada a rispondere ad alcune delle tante domande che i due dell’Osmannoro non riescono a risolvere in tempi adeguati.

Motorizzazione civile

Anche il Cpap, che da sempre ha sollevato la questione di un ritorno dell’ufficio di Motorizzazione civile a Prato, interviene dopo la richiesta di un Consiglio comunale straordinario sul tema.

“Ormai sono anni che le varie “rappresentanze” cittadine sollevano il  problema della mancanza dell’Ufficio della Motorizzazione Civile in Provincia di Prato e della inadeguatezza del “doppio”Ufficio dell’Osmannoro che , per problemi vari, non riesce a rispondere alle esigenze e necessità dei cittadini di Prato e Firenze. Premesso ciò ,ci auguriamo che il Consiglio Comunale  straordinario, richiesto per tale  problema , si svolga in tempi rapidi e porti a qualche soluzione concreta .Tuttavia invitiamo  tutti i nostri rappresentanti della massima istituzione cittadina a non limitare  il dibattito al tema contingente della mancanza di esaminatori e conseguente  ritardo negli esami ; ciò sarebbe molto riduttivo e tristissimo.

Non è il Comune di Prato che deve risolvere le  carenze di un Ufficio che non è all’interno del territorio della propria Provincia. Il Consiglio di Prato deve ribadire senza tentennamenti la ferma volontà di riavere l’Ufficio della Motorizzazione Civile in Provincia di Prato. Non vogliamo continuare a sentire la stantia  cantilena ” non importa avere l’Ufficio l’importante è avere i servizi”. Attualmente non abbiamo né il servizio né l’Ufficio. Smettiamola di aver timore a “passare” da campanilisti !I pratesi  chiedono   soltanto ciò di cui hanno  bisogno. Non siamo cittadini di serie B!”.

Comitato Provinciale Area Pratese

LEGGI ANCHE: MACABRA SCOPERTA, RITROVATA BAMBINA DI POCHE SETTIMANE SENZA VITA A CAMPI BISENZIO