Ponte Morandi un anno dopo: fra due giorni, il 14 agosto 2019, cadrà l’anniversario della tragedia. Fra i tanti retroscena postumi, c’è anche uno scoop della Nasa, che analizzando i dati di alcuni satelliti ha concluso che il cavalcavia Polcevera si muoveva in realtà già dal 2015.

Ponte Morandi un anno dopo

L’ultimo pezzo del vecchio Ponte Morandi verrà demolito a giorni: si tratta della pila numero, 2, l’ultimo moncone che segna il ricordo di quella tragica mattina del 14 agosto dell’anno scorso in cui 43 persone che stavano percorrendo il ponte di Genova sono state inghiottite all’improvviso da tonnellate di cemento.

Il nuovo ponte entro il 2020

Il nuovo ponte ci sarà. I lavori sono partiti e il progetto è di Renzo Piano. E’ ancora vivida la memoria delle pile 10 e 11 fatte implodere crollando l’una verso l’altra il 28 giugno scorso. Una scena da brivido: in meno di 6 secondi il troncone rimasto in piedi è sparito in una nuvola di polvere sotto gli occhi di tutto il mondo.

Leggi anche:  Prete indagato per violenza sessuale su 19enne. Avvocato: "Nega categoricamente"

LEGGI ANCHE: TRASFORMATORE ELETTRICO INCENDIATO A VAIANO FOTO 

LEGGI ANCHE: DROGA E STUPEFACENTI, LA FINANZA INTENSIFICA I CONTROLLI