Cambia il trasporto pubblico locale ed extraurbano a Firenze, dopo l’avvento del prolungamento della linea T1 Leonardo della tramvia, ma si aggrava il problema della sicurezza stradale. Almeno secondo Grazia Galli dell’associazione Progetto Firenze.

A chi come noi chiede da tempo la pedonalizzazione di piazza della Stazione la scelta dell’Amministrazione di scoraggiare l’uso dei mezzi privati per raggiungere la stazione di Santa Maria Novella, favorendo il trasporto pubblico, appare senz’altro opportuna. Ciò che però sconcerta è che questa scelta si stia attuando senza prestare la minima attenzione alla sicurezza stradale di chi in piazza deve obbligatoriamente transitare, a piedi e su mezzi pubblici o privati.

Secondo Galli, nessuno dell’Amministrazione comunale fiorentina sarebbe intervenuto «sul già segnalato rischio di scontri frontali tra i mezzi che percorrono nelle due direzioni le mal disegnate corsie di fronte alla pensilina della stazione, di cui una perennemente occupata da mezzi in sosta. Piuttosto, si è provveduto ad aggravare il problema destinando una delle due corsie sin qui rimaste libere alla sosta degli ncc. Il risultato è che per gran parte della giornata resta percorribile una sola delle tre corsie, quella centrale, la cui occupazione diviene oggetto di contesa tra mezzi di ogni tipo diretti in una direzione o nell’altra».

Leggi anche:  Rinviati di una settimana i lavori su viale Machianell-viale della Repubblica

La nuova T1 della tramvia di Firenze (video Florence TV)

Come se non bastasse, ulteriori pericolose incongruenze nella segnaletica orizzontale si riscontrano altrove nella piazza, come in quella che dovrebbe essere l’area di stop dei mezzi in uscita dal parcheggio. Un’area che invece è da qualche tempo sede di un anarchico crocevia fra taxi che accedono alla rampa della stazione, frotte di pedoni che vi convergono guidati dalle barriere poste a protezione delle nuove aiuole e serpentoni di auto in uscita dal parcheggio. Non abbiamo alcuna intenzione di fare gli uccelli del malaugurio, ma i pericoli sono sotto gli occhi di tutti e destinati ad aumentare con l’apertura odierna di piazza Adua nei due sensi di marcia e, ancor di più, con il rientro dalle ferie e l’apertura delle scuole.

L’associazione Progetto Firenze ha richiesto un incontro urgente con l’assessore alla Viabilità, Stefano Giorgetti, per richiedere un immediato intervento «per ripristinare condizioni sicure per il transito in piazza della Stazione».