Qualità dell’aria, superato il valore limite di polveri sottili: scatta il divieto di uso di caminetti e stufe. Il provvedimento resterà valido fino al 13 gennaio.

Qualità aria: scatta divieto dell’uso di caminetti e stufe

In seguito al superamento del valore limite di polveri sottili, anche a Carmignano scattano le misure restrittive al fine di ridurre le emissioni di Pm 10 in atmosfera. Il sindaco del Comune di Carmignano Edoardo Prestanti ha infatti firmato un’ordinanza che avrà validità fino a domenica 13 gennaio, secondo la quale è vietato l’uso di biomasse (legna/pellet, etc) in caminetti e stufe, a meno che questi non costituiscano l’unica fonte di riscaldamento dell’immobile oppure siano utilizzate tramite impianti ad alta efficienza. L’ordinanza impone inoltre di spegnere il motore di motocicli ed automezzi in caso di file e/o soste prolungate.

Resta inoltre attivo il rispetto dell’ordinanza del 29 ottobre scorso che vieta l’accensione di fuochi e di abbruciamento, all’aperto, di sfalci, residui vegetali o altro, nelle aree del territorio comunale poste a quota inferiore a 200 metri sul livello del mare.

Leggi anche:  Restaurati due dipinti nella Chiesa di Sant’Egidio

I cittadini sono inoltre invitati ad adottare ulteriori comportamenti virtuosi per ridurre le emissioni di materiale particolato: contenere i consumi energetici, evitando inutili sprechi, nella gestione degli impianti di riscaldamento (attraverso per esempio una corretta regolazione degli orari di accensione ed il controllo della temperatura massima);  utilizzare il più possibile i mezzi pubblici o mezzi di trasporto non inquinanti.

LEGGI ANCHE: LA STORIA DI DELA, DA PHILADEPHIA A CARMIGNANO.