Aifa ritira antibiotico Amoxicillina della Teva per presenza di grumi di polvere: un farmaco utilizzato per la cura di varie malattie, tra le quali otite e endocardite.

Ritirato antibiotico Amoxicillina

L’Aifa, l’Agenzia Italiana del Farmaco, ha disposto il ritiro dalle farmacie di un lotto dell’antibiotico Amoxicillina Acido Clavulanico della TEVA impiegato per la terapia e cura di varie malattie e patologie come endocardite e otite.

Il lotto interessato

Nello specifico si tratta del lotto n. HT6111 – AIC 037526011 con scadenza 02-2020. Il provvedimento, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si è reso necessario a seguito della comunicazione da parte della società Sandoz e successiva notifica di allerta rapida pervenuta dall’agenzia dei medicinali tedesca, concernenti segnalazioni dall’Egitto per la presenza di grumi di polvere nel suddetto farmaco. Il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute Aifa è stato invitato a voler procedere con gli adempimenti necessari per la verifica del ritiro avviato dalla ditta.

Leggi anche:  Piantato un ulivo come segno di amicizia con la città russa di Tver