Scale mobili ai lati delle navi, da usare per raccogliere i rifiuti che galleggiano nel mare: un progetto da poco più di un milione di euro che la Regione Toscana è intenzionata a cofinanziare. Lo ha annunciato il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, intervenendo alla Tuscany Hall di Firenze all’assemblea generale dei delegati di Unicoop Firenze, un’iniziativa a margine della quale nell’incontro con i soci Coop si è discusso soprattutto di tematiche ambientali.

Rossi incontra i soci Coop

“Faremo presto un incontro con la Protezione civile nazionale – ha aggiunto il presidente – per dare l’avvio a questo progetto, che vogliamo operativo a partire dal prossimo anno. Intanto questa estate prende il via un altra iniziativa importante, quella che vieta in tutti i 900 stabilimenti balneari della Toscana di usare bottiglie, piatti, posate e bicchieri di plastica non riciclabile, un impegno che ha visto l’adesione convinta dei titolari degli stabilimenti balneari, che ringrazio per la sensibilità dimostrata. E a partire dal 1 ottobre prossimo vogliamo eliminare la plastica usa e getta, a partire da dove, ospedali, mense universitarie e della Pubblica amministrazione, la Regione fa si che ogni giorno si somministrino circa 200.000 pasti. Siamo la prima Regione a farlo”.

Progetto Arcipelago pulito

Rossi ha poi ricordato il progetto Arcipelago pulito, sempre promosso dalla Regione, che impegna i pescherecci a raccogliere e scaricare in porto i rifiuti (che rappresentano ben il 25% del pescato) che rimangono nelle reti e che in sei mesi ha permesso di raccogliere 18 quintali di plastiche. Del resto la situazione è così drammatica che anche nei pressi del Santuario dei cetacei, nel tratto tra l’Elba e la Corsica, le correnti tirreniche contribuiscono a formare isole di scarti di plastica.

“Il nostro impegno – ha aggiunto il presidente – sarà quello di andare lì a raccogliere anche quelle plastiche: vogliamo che il nostro mare si mantenga blu. Cercheremo anche di favorire il recupero delle bottiglie di plastica attraverso l’installazione nei negozi di ecocompattatori. Intendiamo procedere, sia pur con la cautela di chi vuol risolvere un problema senza crearne un altro, perché occorre riconvertire, non chiudere le aziende produttrici di contenitori di plastica, per evitare cassa integrazione o licenziamenti. La Toscana vuol essere all’avanguardia anche su questo”.

Tutela dei fiumi

Rossi ha infine risposto positivamente alla richiesta di una giovane socia Coop che gli chiedeva di sistemare barriere alla foce dei fiumi per impedire che le plastiche galleggianti arrivino al mare, e di preoccuparsi anche di quelle che si trovano nei porti.

“Prima di tutto – ha osservato Rossi – occorre fare in modo che i rifiuti non siano gettati nei fiumi. Ma faccio mia la sua richiesta e ho già fissato un appuntamento per parlare con un docente universitario che ha elaborato un progetto al riguardo. Vedrà che nelle prossime settimane qualcosa faremo”.

LEGGI ANCHE: Elezioni amministrative, si vota in 18 Comuni toscani