Un pacchetto di interventi per sviluppare, a partire da San Marcello Piteglio, un modello di sanità nelle aree montane in grado di coniugare sia le necessità di integrazione con l’area vasta, sia i bisogni specifici del territorio.

Integra il documento per il presidio di San Marcello

E’ questo uno dei principali obiettivi del protocollo d’intesa siglato dalla Regione Toscana e dal comune di San Marcello Piteglio, un accordo che integra il documento per il presidio di San Marcello e l’assistenza sanitaria sulla montagna pistoiese sottoscritto stamani, prevedendo però anche aspetti legati alla viabilità nel centro del paese e allo sviluppo della ricettività turistica.

Il comune di San Marcello Piteglio attraverso il suo capoluogo (San Marcello) rappresenta un importante presidio di servizi per tutto il territorio montano di cui è parte. Tra le finalità del documento figura infatti la rigenerazione della Villa Santa Caterina, un complesso immobiliare contiguo all’ospedale e oggi fatiscente, per trasferirvi alcune funzioni dell’ospedale sfruttandone al meglio gli spazi e rispettando la storia e gli elementi di pregio architettonico tutt’oggi conservati al suo interno.

Il protocollo d’intesa, inoltre, vuol inoltre favorire la rigenerazione del centro di San Marcello, attraverso la realizzazione di un collegamento viario che consenta il by pass del paese, con ripercussioni positive sul commercio e sulla vivibilità del paese.
Infine, tra le finalità del documento sottoscritto da Regione e Comune anche l’utilizzo del “Villone” per l’ospitalità e l’accoglienza turistica: il “Villone” è una struttura di proprietà della Regione, attualmente inutilizzata, ma dal forte potenziale turistico.

“Questo accordo – ha commentato l’assessore regionale alla Presidenza Vittorio Bugli – riguarda tanti aspetti importanti per quest’area come l’assetto dell’ospedale (con il possibile utilizzo di spazi nell’ immobile adiacente di Villa Santa Caterina), e la viabilità, ma contiene anche altre azioni preziose per quest’area montana. E’ prevista, per esempio, la possibilità di sviluppare azioni formative che abbiano al centro l’ambiente e l’economia circolare, permettendo di indirizzare verso la montagna persone che abbiano interesse ad accrescere il loro valore professionale su queste tematiche”.

“Questo protocollo – aggiunge Luca Marmo, sindaco di San Marcello Piteglio – è un elemento ulteriore di rafforzamento del territorio. Da qui a qualche mese faremo un accordo di programma stringente, che contiamo di chiudere entro la fine dell’anno”.

«Una firma che suggella un lavoro che va avanti da alcuni mesi e che rappresenta una svolta per i servizi sanitari. Grazie all’impegno degli amministratori locali, della direzione aziendale dell’Asl Toscana Centro possiamo ora affermare che il protocollo siglato va anche al di là delle richieste del territorio, perché aggiunge l’attivazione di una serie di multi-servizi importanti e punta a una riqualificazione complessiva della sanità nell’area della montagna pistoiese. La nostra soddisfazione per questi risultati è più forte perché, dopo anni, nella nostra montagna i servizi non se ne vanno ma ritornano e, anzi vengono potenziati”. Così Massimo Baldi e Marco Niccolai, consiglieri regionali Pd.

Leggi anche: Avevano 9 piante di marijuana in casa: denunciati due 30enni di San Marcello