La festa si… sdoppia. Causa previsioni meteo avverse, è stata sdoppiata la 14esima edizione della «Festa del Pane» che quest’anno ha come tema «Il seme della salute»

Domani, 19 maggio, alle 10 nella Saletta via 2 Giugno, si terrà il convegno: «Dal Grano al Pane – percorsi di qualità e benefici per la salute». Questo il programma: saluti del sindaco di Certaldo, dell’assessore all’Agricoltura, del dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Certaldo, Fiorenzo Li Volti. Seguiranno gli interventi di Nicola Menditto, direttore Villa Montepaldi Università di Firenze; Angiolo Simonetti, Proceva, Associazione Cereali Valdelsa; Marco Failoni, Confederazione Italiana Agricoltori; Molino Parri, Mugnai a Sinalunga; Pasquale La Rossa, Forno Moderno Certaldo; Martina Calosi, biologa nutrizionista; Elisa Pellegrino, Scuola Superiore Sant’Anna Pisa; Barbara Paolini, Medico dietologo Aou Senese Presidente Adi Toscana; Irene del Ciondolo, medico dietologo Asl Toscana sud est, Consigliere Adi Toscana.

Durante il convegno verrà presentato anche il progetto: «Certaldo Dolce e Salato», a cura dell’assessorato alla Cultura. Il panificio artigianale «Forno Moderno» ha creato infatti due nuovi prodotti da forno, secondo le ricette tradizionali, per rendere omaggio a Certaldo: «I biscotti di Certaldo», dolcetti con immagini simbolo della città come Giovanni Boccaccio, Palazzo Pretorio, la cipolla. E «Il pane del Boccaccio», realizzato utilizzando varietà di grani antichi macinate a pietra con un aggiunta di cipolla di Certaldo e capperi. Un progetto nato dalla volontà di favorire l’unione dell’artigianalità con l’aspetto culturale e identitario di Certaldo.

Leggi anche:  Dispositivi anti-abbandono, al via al bonus

Il 9 giugno festa e laboratori

Inizialmente prevista per il 19 maggio, è stata invece spostata a domenica 9 giugno la Festa vera e propria che vedrà per tutta la giornata nel centro di via 2 giugno laboratori di produzione del pane che vedranno coinvolti bambine e bambini delle scuole, ma anche vendita di pani, schiacciate, pizze e dolci con il ricavato che sarà destinato all’acquisto di materiale didattico per le scuole.