È continuata anche oggi pomeriggio  a Sesto Fiorentino la protesta contro il taglio gli alberi di Viale XX Settembre del quale oramai si discute da settimane.

Un flash mob contro il taglio degli alberi

Alle 19 si è tenuto un flash mob, promosso dal coordinamento dei comitati che nei giorni scorsi hanno depositato in Comune le 1345 firme per chiedere al Sindaco un confronto con i cittadini, il reimpianto degli alberi e il miglioramento della viabilità pedonale per assicurare l’accessibilità ai pedoni, ai disabili e ai passeggini.

I tanti cittadini si sono trovati presso il Viottolone dei Ginori, il Viale identitario che conduce alla Biblioteca Ragionieri, e hanno protestato indossando alcune magliette dove si leggeva lo slogan “la vita non si taglia”. Su ogni tronco dei 52 tigli tagliati  è stato poi lasciato un manufatto a forma di cuore  che riproduceva lo slogan del flash mob.

È proseguito in questo modo  l’impegno dei cittadini favorevoli alla preservazione del valore storico, culturale e ambientale del viale XX Settembre.  I cittadini continuano ancora a chiedersi  come mai, le forze di opposizione presenti al flash mob, non siamo riusciti ad incontrare in maniera istituzionale i tecnici di terna che nei prossimi mesi dovranno eseguire l’interramento dell’elettrodotto.

“Ci sorprende che fino ad oggi l’amministrazione comunale non ci abbia degnato di una minima attenzione – hanno affermato i tanti cittadini del comitato -. Il confronto, che è alla base della Democrazia, avrebbe permesso di evitare uno scempio pur garantendo l’interramento dell’elettrodotto.”

LEGGI ANCHE: Questione Centri commerciali, l’apertura del Governo VIDEO