Terreni incolti, il Comune di Montemurlo sollecita i privati a tagliare erba e sterpaglie in città e in collina. L’assessore all’ambiente Alberto Vignoli richiama alla responsabilità di tutti per evitare la proliferazione di ratti e insetti e per scongiurare il rischio incendi.

Terreni incolti

Il Comune di Montemurlo ricorda a tutti i proprietari di terreni incolti in ambito urbano e in collina che devono provvedere al periodico taglio di erba, rovi e sterpaglie, così come previsto dal regolamento comunale sul verde pubblico. Con l’arrivo della bella stagione e le alte temperature di queste ultime settimane, infatti, crescere il rischio incendi e la proliferazione di insetti ed animali, come i topi, pericolosi per l’igiene e la salute pubblica. Nel centro abitato l’obbligo si estende su tutta la superficie del terreno, mentre fuori i proprietari dovranno garantire la ripulitura per una fascia di almeno venti metri dal bordo strada. L’invito per tutti i proprietari di aree incolte nei centri abitati e a ridosso delle strade, se si trovano fuori dalla città, quindi, è quello di ripulire i terreni dalla vegetazione infestante, come spiega l’assessore all’ambiente, Alberto Vignoli:

«Invito tutti alla responsabilità e a provvedere quanto prima al taglio di erba e piante infestanti sui terreni privati incolti su tutto il territorio comunale. Si tratta di un’operazione di pulizia importante che può evitare situazioni pericolose come il propagarsi d’incendi o la proliferazione, soprattutto in città, di insetti e topi. Per chi non rispetterà il regolamento scatteranno i controlli della polizia municipale e quindi, in caso di mancata ottemperanza, le sanzioni e provvedimenti ad hoc tramite ordinanza».

Anche il sindaco Simone Calamai invita tutti i cittadini a prestare attenzione alla previsione contenuta nel regolamento:

«Vogliamo che la nostra città sia bella, pulita e sicura. Per questo è importante provvedere al taglio dell’erba. Se tutti facciamo un piccolo sforzo contribuiamo a rendere migliore la vita di tutta la comunità».

Regolamento per privati

Il regolamento comunale sul verde pubblico prevede, infatti, per chi non rispetta l’obbligo di ripulitura dei terreni privati, una sanzione pecuniaria di 150 euro.

Leggi anche:  "Il cane più simpatico":il concorso a Firenze

Verde pubblico

Intanto sul territorio comunale è ancora in corso il taglio delle piante infestanti presenti sul reticolo idraulico (fossi e torrenti) e nelle casse d’espansione, effettuato sul territorio comunale dal Consorzio Medio Valdarno. I lavori si concluderanno nei prossimi giorni con il taglio delle piante presenti nell’alveo e sulle sponde del torrente Agna, mentre ieri è stata conclusa la pulizia sul Ficarello a Bagnolo. L’assessore all’ambiente Vignoli è inoltre in contatto con la Provincia che nei prossimi giorni effettuerà il taglio dell’erba sulla via Berlinguer di sua competenza, cioè dal ponte di Bagnolo fino alla rotonda con via Rosselli.

LEGGI ANCHE: SI TUFFA NEL LAGO DI BILANCINO, SCOMPARSO