Il presidente della provincia di Prato interviene sulla questione ormai da tempo in ballo per il futuro del trasporto pubblico locale.

Trasporto pubblico locale

“Ho appreso con piacere che la Regione Toscana abbia deciso di attendere la sentenza del Consiglio di Stato prima di intraprendere qualsiasi iniziativa relativa al trasferimento dei mezzi da One Scarl ad Autolinee Toscane. Nelle scorse settimane sono stato in contatto sia con l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli che con i vertici di Cap cercando di mediare tra gli interessi di un’azienda importante per Prato come Cap e l’interesse pubblico della gara”.

Commenta così il presidente della Provincia di Prato Francesco Puggelli, la nota dell’assessorato ai Trasporti della Regione Toscana in cui ha annunciato il rinvio di 30 giorni per il passaggio di beni e personale tra le aziende del tpl.

Il rinvio di passaggio di personale e beni

“Siamo soddisfatti – riprende Puggelli – di questo primo risultato ma guardiamo avanti invitando la Regione a proseguire sulla strada della prudenza. Servirà forse non solo un mese bensì attendere i tempi necessari alla giustizia per prendere una decisione definitiva nel pieno rispetto della gara e dell’iter giudiziario in corso. Nel frattempo il nostro compito è continuare a tutelare il trasporto pubblico del bacino pratese che si è affermato anche recentemente come un modello di eccellenza nazionale”.

LEGGI ANCHE: SEGGIOLINI ANTI ABBANDONO OBBLIGATORI DA OGGI