Un grevigiano tra i campioni mondiali di videogame. Si chiama Riccardo Romiti, ha solo 16 anni ed è considerato un astro nascente dei player professionisti. E’ volato in Cina per i campionati di videogioco StarCraft, ingaggiato dal team Exeed. Manualità, abilità e allenamento. Tutte caratteristiche che Riccardo, in arte Reynor, ha nei videogames. In particolare su StarCraft, un videogioco di strategia in tempo reale. Ti contendi il dominio della Via Lattea e vince chi batte l’avversario. E Reynor in questo è un campione. Sono ben sette le azioni al secondo che riesce a fare. Non è un caso se è considerato uno degli otto giocatori più forti al mondo di Starcraft. È stato in Corea, dove è anche l’idolo dei ragazzini. A consacrarlo anche un articolo di Tuttosport che lo indica nella top 10 dei migliori giocatori al mondo secondo il popolare sito di statistiche dedicato a StarCraft II, Aligulac.

La sfida i più forti

Già lo scorso 19 settembre si era misurato con giocatori di tutto rispetto. O, meglio, con il campione del mondo in carica, Rogue, per il circuito Wcs che Iem, Zest, uThermal. Su di lui spopolano anche i social. L’hashtag Reynor è citato per ben 169 volte su Instagram. Un vero idolo in Asia e non solo. Un servizio dei giochi elettronici competivi scrive che «nella classifica generale di Aligulac, Riccardo “Reynor” Romiti ha raggiunto la decima posizione assoluta subito dietro cyber-atleti del calibro di Classic, Gumiho e Rogue ad appena 300 punti da Serral che è saldamente in testa a questa speciale classifica. Reynor è il primo giocatore italiano a raggiungere un simile risultato a livello internazionale. Un segnale che Romiti ha voluto quindi mandare a tutti i suoi avversari». Insomma, sono tanti i talenti grevigiani che volano nel mondo.