Urologia innovativa. Primo intervento laparoscopico in 3D al Santa Maria Annunziata. Il Sindaco: ” professionalità e investimenti in campo tecnologico per un ospedale di alta qualità”.

Urologia in 3D per tumore al rene

All’ospedale Santa Maria Annunziata è stato eseguito il primo intervento di nefrouretercotomia laparoscopica con tecnica 3D. Il paziente presentava un tumore al rene che è stato trattato con l’innovativa tecnologia che offre performance simili a quella robotica: migliore visione e profondità dei dettagli anatomici al fine di eliminare radicalmente la malattia tumorale da un lato e dall’altro di ridurre il più possibile le complicanze.

L’intervento è stato realizzato nell’ambito della struttura complessa di urologia diretta dal dottor Niceta Stomaci afferente al dipartimento delle specialistiche chirurgiche di cui e direttore il dottor Stefano Michelagnoli che si è complimentato con l’équipe.

Il commento del Sindaco

Grande soddisfazione da parte del sindaco di Bagno a Ripoli.

“Professionalità e investimenti in campo tecnologico contribuiscono a rendere il nostro ospedale un importante punto di riferimento che a breve grazie all’impegno di Regione e ASL – ha detto Francesco Casini – avrà anche una struttura all’altezza delle prestazioni, dei servizi erogati e degli operatori sanitari”.

Un salto tecnologico notevole

A dare notizia dell’intervento è stato il dottor Andrea Gavazzi che lo ha eseguito come primo operatore insieme al dottor Tommaso Jaeger. In sala erano presenti la dottoressa Maria Beatrice Padelletti, anestesista, e gli infermieri Paola Frappi, Carlo Romano, Massimiliano Vitellaro oltre al caposala del comparto operatorio Enrico Pelo.

“Con il nuovo macchinario, e quindi con il passaggio dallo schermo bidimensionale a quello in 3D – ha spiegato il dottor Gavazzi – possiamo finalmente vedere la realtà del campo chirurgico in cui operiamo aumentando così lo standard qualitativo che offriamo ai nostri pazienti”.

Con la nuova apparecchiatura il salto tecnologico è stato notevole perché permette una maggiore precisione negli interventi sui reni per patologie oncologiche; in prospettiva, l’utilizzo potrà estendersi anche al trattamento di altre patologie sempre in ambito urologico.

Leggi anche:  Anna Spina è la regina della Notte Bianca di Grassina

LA NOTIZIA PIU’ LETTA DELLA SETTIMANA:

DISPERSO A CALENZANO, DIPENDENTE COMUNALE DI CAMPI ERA ANDATO A FARE UN GIRO IN BICI