Violenza di genere, un percorso di formazione per prevenire la violenza di genere agendo sugli uomini. Venerdì 27 settembre, con la prima delle otto giornate, ha preso il via un nuovo progetto formativo che si basa sullo spostamento dell’angolo di osservazione.

Violenza di genere: un nuovo percorso di formazione

Conoscere e formarsi sono elementi centrali nel percorso portato avanti dal territorio per rafforzare la rete di contrasto alla violenza di genere – dice Susanna Salvadori, assessore alle pari opportunità del Comune e presidente del Centro Pari Opportunità – In questo caso il progetto ha l’obiettivo di fornire alla rete locale ulteriori strumenti di lettura e di intervento. Un percorso collettivo di crescita che va avanti forte di una comunità coesa e partecipe”.

I cinque Comuni dell’Alta Valdelsa riuniti nel Centro Pari Opportunità  vogliono infatti con questa azione offrire nuovi strumenti a chi è chiamato ad intervenire a vario titolo aiutando le vittime a mettersi al sicuro e gli autori a prendersi le loro responsabilità. Al percorso si sono iscritte persone provenienti dalle forze dell’ordine, dai servizi sociosanitari, operatori e operatrici della giustizia, operatrici del Centro Anti Violenza  e uomini e donne della società civile motivati a prendere parola su questo tema nel contesto locale. Uno degli obiettivi di questo percorso formativo è anche incubare un esperienza associativa che faccia sensibilizzazione diretta all’universo maschile e un primo ascolto degli uomini che chiedono aiuto.

La prima giornata di incontro

La prima giornata, incentrata sulla comunicazione, è stata non solo un momento in cui riflettere sul valore dell’ascolto attivo utile a chi lavora nella relazione di aiuto ma anche di costruzione di un gruppo che potrà lavorare in rete, confrontarsi e sostenersi nel percorso difficile di presa in carico.

Non si esce dalla violenza alle donne finché gli uomini rimangono in silenzio o si silenzia la loro responsabilità” dice Angela Gerardi coordinatrice del progetto, che prosegue “occorre arginare le diffuse forme di paternalismo o sessismo buonista, ogni forma di negazionismo sulla responsabilità degli autori, ogni forma di minimizzazione  o peggio ancora di colpevolizzazione delle vittime. Dobbiamo farci carico non solo di prevenire ma anche recuperare sotto il profilo socioeducativo gli uomini educati alla violenza di genere e in vari contesti e soprattutto attraverso la narrazione che oggi ancora si fa di questo fenomeno”.

Il progetto

“Prevenire al violenza di genere agendo sugli uomini. Accrescere sapere, saper fare e saper essere”  è stato finanziato dal Dipartimento Pari Opportunità e vede il sostegno di numerosi partner locali:  la Fondazione Territori Sociali Altavaldesa, la Società della Salute Alta Valdelsa, il Cav Donne Insieme Valdelsa, l’associazione Atelier Vantaggio Donna, l’associazione Nuovo Maschile di Pisa. Il percorso di formazione è composto di otto giornate durerà fino a fine febbraio 2020. Sono esaurite le iscrizioni  ma sono in programma giornate tematiche aperte ai non iscritti. Per informazioni: pariopportunitavaldelsa@gmail.com

Leggi anche:  Non dichiara i redditi e nasconde al Fisco 95.000 euro

LEGGI ANCHE: LAVORI PONTE NENNI A POGGIBONSI. LEGA:”CAOS TOTALE”

LEGGI ANCHE:ADDIO A ETTORE NESPOLI, GIOVANE PADRE, AVVOCATO, INSEGNATE