Nei guai un cittadino italiano di 48 anni di Lamporecchio: è intervenuta la Squadra Mobile della Polizia di Stato di Pistoia dopo segnalazioni, da parte dei vicini, di strano via vai dall’abitazione dell’arrestato. All’interno rinvenuti 375 grammi di marijuana già confezionata e 11 piantine più 12 grammi di hashish. L’uomo è stato trasferito nel carcere di Santa Caterina in Brana.

L’arresto a Lamporecchio

Nella serata di mercoledì 24 aprile la Polizia di Stato di Pistoia, nell’ambito dei servizi di polizia giudiziaria e di controllo del territorio finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti su strada, ha proceduto all’arresto in flagranza per il reato di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente a carico di G. L., cittadino italiano di anni 48, residente a Lamporecchio.

L’arresto è avvenuto a seguito di attività investigativa della Squadra Mobile, posta in essere attraverso servizi di appostamento e pedinamento, iniziati nei giorni scorsi a seguito di segnalazioni di alcuni cittadini che avevano notato un movimento sospetto di persone nei pressi dell’abitazione dell’indagato sita nel comune di Lamporecchio.
Avuta conferma della bontà della segnalazione, veniva effettuata una perquisizione domiciliare che consentiva di rinvenire e sequestrare complessivamente 375 grammi di marijuana già confezionata e pronta per essere ceduta, 12 grammi di hashish e 11 piante in vaso di marijuana, nonché un bilancino di precisione. Esperite le formalità di rito, l’arrestato veniva condotto presso il carcere di Pistoia a disposizione del pubblico ministero di turno, Claudio Curreli.

Leggi anche:  Va in cerca di sesso con un colombiano ma viene minacciato e derubato: due arresti

Anche questo arresto di ieri rientra nei risultati dell’intensificazione dei servizi antidroga decisa dal Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica della Prefettura di Pistoia su direttiva del Ministero dell’Interno per contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti in strada, nei parchi pubblici e in prossimità delle scuole.

LEGGI ANCHE: Il caso del parroco di Casalguidi che non dice messa da due mesi