Una 49enne di Buggiano, particolarmente nota alle forze dell’ordine, è stata arrestata e condotta nel carcere di Sollicciano: con una condanna di un anno e cinque mesi, evade dai domiciliari per andare a rubare ad Uzzano la mattina di Santo Stefano. Fermata dai Carabinieri.

Un “curriculum” notevole di denunce ed arresti

Condannata ad un anno e cinque mesi di detenzione domiciliare per furto in abitazione commesso qualche tempo fa, ha decisamente violato le prescrizioni, facendosi denunciare dai militari del Norm e della stazione di Pescia per due tentativi di furto in abitazione commessi nella mattinata del 26 dicembre scorso ad Uzzano insieme ad una complice 30enne, sottoposta all’obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria.

I militari nell’occasione avevano fermato la complice a Chiesina Uzzanese, la quale aveva con se vari monili d’oro di dubbia provenienza che sono stati sequestrati, mentre era alla guida di un’auto di un conoscente. Gli inquirenti hanno poi ricostruito i movimenti delle due donne accertando così che C.H., 49enne pregiudicata residente a Buggiano, con una notevole “curriculum” di denunce ed arresti per reati contro il patrimonio a suo carico, invece di rimanere nella sua abitazione evade dai domiciliari, era uscita insieme alla complice, per commettere altri furti ed era rientrata a casa prima del controllo dei militari.

Leggi anche:  Rubavano nelle auto e in casa in mezza Toscana: quattro arresti

Nel primo pomeriggio di sabato 5 gennaio è stata accompagnata al carcere di Sollicciano.