Controlli a tappeto al Soccorso (Prato). L’esito del servizio ha permesso il controllo di centinaia di persone, molti dei quali gravati da precedenti penali.

Controlli a tappeto al Soccorso

I Carabinieri del Comando Provinciale Prato, rinforzati da tre Unità Operative del 6° Battaglione Carabinieri di Firenze hanno condotto ieri un servizio straordinario di controllo del territorio, coadiuvati da personale della Guardia di Finanza di Prato, dalla locale Polizia Municipale e dall’ASL pratese.

Le operazioni si sono concentrate prevalentemente nell’area geografica del quartiere “Soccorso” di Prato ed hanno avuto la specifica finalità di prevenire e reprimere fenomeni delittuosi legati all’ambito dei reati predatori ed allo spaccio di stupefacenti; ma anche di verificare nei diversi esercizi pubblici e commerciali della zona la presenza di cattive frequentazioni nonché irregolarità amministrative, fiscali e sanitarie.

I controlli sono stati eseguiti dalle varie componenti di polizia tenendo conto la particolare vulnerabilità della zona, teatro spesso di episodi delittuosi, a cui recentemente erano seguite mirate attività dei Carabinieri che hanno smantellato un gruppo criminale specializzato nei furti in abitazione , ma anche proceduto all’arresto di altri soggetti dediti alla vendita di droghe.

Preziosa la collaborazione delle componenti cinofile del Nucleo Carabinieri di Firenze e della Polizia Municipale di Prato.

Leggi anche:  Incendio doloso a Bacchereto: scatta la denuncia

L’esito del servizio ha permesso il controllo di centinaia di persone, molti dei quali gravati da precedenti penali. Diverse le persone accompagnate presso il Comando Provinciale Carabinieri di via Picasso per la verifica della loro reale identità e per alcuni di essi sono scattate denunce relative alla violazione delle norme sulla disciplina degli stranieri.

Il carattere interforze delle operazioni ha permesso alla Guardia di Finanza, alla ASL ed al Nucleo di Polizia Amministrativa della Polizia Municipale di eseguire innumerevoli verifiche nell’ambito delle specifiche competenze, contestando diverse sanzioni per violazioni alle norme sanitarie, autorizzative e per la mancata emissione di scontrini fiscali.

Da sottolineare il comportamento di diversi abitanti della zona che durante lo svolgimento delle operazioni non hanno esitato ad avvicinare gli operatori per manifestare, ringraziandoli, la personale approvazione per il loro operato.

La puntualità degli interventi delle forze dell’ordine permettono spesso anche l’arresto di molti spacciatori.