Cronaca Val d'Elsa5 Giugno 2019

Controlli Polizia Autopalio: due automobilisti sorpresi al telefono durante la guida VIDEO

Ha partecipato alle operazioni anche un elicottero dell’8° Reparto Volo della Polizia di Stato.

Controlli Polizia Autopalio: in questi giorni la Polizia Stradale sta monitorando l’Autopalio alla ricerca di automobilisti poco virtuosi che, smanettando sul cellulare, rischiano di provocare gravi incidenti. Proprio stamane, 3 pattuglie del Distaccamento di Montepulciano e della Sezione di Siena hanno presidiato la zona di Poggibonsi, convogliando i veicoli da controllare presso l’area di servizio Drove Ovest. Lì con i poliziotti c’erano anche Oker e Mia, due splendidi pastori tedeschi della Questura di Firenze, addestrati dai loro conduttori alla ricerca di stupefacenti. 

Controlli Polizia Autopalio: fermati 21 veicoli

Il dispositivo è stato supportato dall’alto da un elicottero dell’8° Reparto Volo della Polizia di Stato, con il compito di segnalare via radio i movimenti dei veicoli sospetti. In tutto, gli investigatori hanno fermato 21 veicoli e controllato 25 persone, contestando 7 infrazioni al codice della strada. Nessuno è stato trovato positivo all’etilometro, né aveva assunto droghe.

Beccati due automobilisti a parlare al telefono mentre guidavano

Due automobilisti sono stati sorpresi a guidare mentre parlavano al telefonino e, per tale motivo, ognuno di loro dovrà pagare una multa di oltre 300 euro, oltre a vedersi tolti 5 punti dalla patente. Sono stati 4 gli automobilisti che non erano in regola con la documentazione di bordo, mentre un altro è stato sanzionato perché il parabrezza della sua auto era scheggiato. Lui, guidando l’auto in quello stato, stava correndo un grosso pericolo, poiché con le vibrazioni e la velocità sostenuta il vetro rischiava davvero di infrangersi e di ferirlo.

LEGGI ANCHE:FURTO CON SPACCATA: DENUNCIATO UN 20ENNE DI POGGIBONSI

Leggi anche:  Progetto pop up Poggibonsi: seconda fase per il bando "La via Maestra"

LEGGI ANCHE:CAMBIO AL VERTICE DELL’OSPEDALE SANTO STEFANO DI PRATO