E’ finito in manette un pluripregiudicato che derubava le auto dei turisti in visita a piazzale Michelangelo.

Derubava le auto dei turisti

Nel corso della giornata di ieri, i carabinieri della Stazione di Firenze-Ricorboli, hanno arrestato in flagranza L.R.G., 61enne siciliano pluripregiudicato che vive a Firenze, sorpreso a rubare un tablet e uno zainetto contenente alcuni oggetti personali di un ignaro turista campano, dall’interno di una Mercedes parcheggiata nei pressi di piazzale Michelangelo. L’autore del furto aveva poco prima forzato l’auto, infrangendone il vetro della portiera posteriore.

Aveva messo a segno altri furti a marzo

I militari, impegnati in nei vari servizi per il controllo del territorio, mentre passavano per il piazzale, hanno notato la presenza del 61enne che in modo sospetto si aggirava tra le autovetture lasciate in sosta. Riconosciutolo come persona già denunciata a piede libero lo scorso mese di marzo per altri due furti su auto, hanno deciso di pedinarlo per controllarne i movimenti. I militari dell’Arma lo hanno seguito fino al vicino parcheggio che sorge nei pressi della basilica di San Miniato al Monte.

Leggi anche:  Incendio in un negozio: i Vigili del Fuoco spengono le fiamme FOTO

Qui il sospettato, infranto con un pugno il vetro della Mercedes, si è impossessato del tablet e dello zaino e per tale motivo, appena un attimo dopo, è stato fermato e arrestato dagli operanti, nonostante avesse accennato un tentativo di fuga.

Recuperata una bicicletta da 7mila euro

Recuperata anche la refurtiva, che è stata restituita al legittimo proprietario, giunto sul posto. La successiva perquisizione, ha inoltre permesso di rinvenire una bicicletta in carbonio, del valore di circa 7mila euro, risultata rubata sempre in zona piazzale Michelangelo, lo scorso 14 aprile, a un turista tedesco.

L’accusa è per danneggiamento e furto aggravato. L’arrestato rimarrà presso la camera di sicurezza fino alla mattina di giovedì prossimo, momento in cui ci sarà il rito direttissimo.

LEGGI ANCHE: Bambino morto in Calvana, la mamma: “Vogliamo giustizia”