Due evasori totali. Ancora sommerso d’azienda in Val d’Orcia e in Val d’Elsa, terreno fertile per l’evasione fiscale.

Due evasori totali in Val d’Elsa e Val d’Orcia

Questa volta l’azione ispettiva della Guardia di Finanza si è rivolta nei confronti di un rappresentante ed agente di commercio in ambito agricolo e di una ditta operante nel settore edile che, per gli anni d’imposta 2015 e 2016, non hanno presentato alcuna dichiarazione fiscale. La posizione dei contribuenti infedeli sono entrambe emerse nell’ambito di autonome attività di servizio appropriatamente svolte dalle Fiamme Gialle di Siena. L’efficace dispositivo di controllo economico del territorio approntato e l’indispensabile analisi di rischio condotta dai militari con l’ausilio delle banche dati in uso al Corpo, ha consentito quindi d’individuare i soggetti “evasori totali” che non hanno adempiuto agli obblighi di dichiarazione per tutti i settori d’imposta.

Le verifiche della Finanza

Nel primo caso, i finanzieri hanno inizialmente proceduto a riscontrare le risultanze contabili del contribuente infedele verificato con i documenti acquisiti, incrociando poi i dati così desunti con quelli estrapolati dagli applicativi informatici disponibili.  Nel secondo, la minuziosa attività si è sviluppata attraverso lo studio attento del fatturato del contribuente, nonché mediante il ricorso a controlli incrociati nei confronti dei clienti del soggetto ispezionato.

Leggi anche:  Evasore totale in Val d'Elsa: nascosti al fisco 170.000 euro

Recuperati a tassazione quasi 100.00 euro di redditi e oltre 30.000 euro di IVA

Sono stati così recuperati complessivamente a tassazione quasi 100.000 euro di redditi occultati oltre a quasi 30.000 euro di IVA evasa. Al fine di garantire l’effettivo ristoro dell’Erario, è stata prontamente richiesta all’Ufficio finanziario competente l’adozione delle misure cautelari in ambito amministrativo. L’attività posta in essere rientra nelle funzioni di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza, volte al contrasto all’economia sommersa e, più in generale, all’evasione fiscale che sottrae importanti risorse economiche allo Stato, produce effetti negativi per l’economia, ostacola la normale concorrenza fra imprese e, oltretutto, accresce il carico fiscale nei confronti dei cittadini e degli imprenditori onesti. Contrastare l’evasione fiscale significa, in sintesi, garantire un fisco più equo e proporzionale all’effettiva capacità di ognuno e ripristinare le necessarie condizioni di giustizia e solidarietà tra Stato e cittadini.

LEGGI ANCHE:RAGAZZO MORTO PER STRADA: E’ UN GIOVANE DI 23 ANNI

LEGGI ANCHE:FARMACI SENZA AUTORIZZAZIONE:NEL MIRINO UNA DITTA DI COSMETICI