Ha suscitato polemiche l’intervento di questa mattina, giovedì 25 aprile, Festa della Liberazione, del sindaco Tomasi, che non ha citato i partigiani nè la Resistenza.

Tripi: No all’appiattimento generale

Tra i commenti all’intervento del sindaco Tomasi questa mattina in Piazza della Resistenza, che ha provocato il canto spontaneo di “Bella Ciao” da parte di molti presenti, in particolare per l’assenza di citazione alla battaglia di liberazione e i suoi protagonisti, interviene anche il capogruppo Pp in consiglio Walter Tripi con un post social:

“Appiattimento e generalizzazione sono tumori da non sottovalutare. Se per renderla una “festa di tutti” il prezzo da pagare è fare della storia un purè insipido, non ricordare i Partigiani e non parlare di Resistenza, che rimanga pure una festa di qualcuno. Se il prezzo da pagare è derubricare a guerra civile una battaglia per la libertà, tra chi collaborava con il terrore e l’oppressione e chi si è ribellato anche a costo della propria vita e di quella dei cari, non paghiamolo.
Buona Liberazione, buon 25 aprile, viva gli uomini e le donne della Resistenza!”

Leggi ancheFesta della Liberazione con una fiaccolata e una visita ai luoghi della memoria