Serata movimentata nelle campagne di Pistoia: due individui tentano di effettuare furti nei vivai rubando delle palme ad un vivaista che li scorge dalle telecamere di videosorveglianza: allertata la Questura, l’uomo è andato a controllare di persona con una pistola, regolarmente detenuta. Alla fine ha sparato un colpo in aria ed uno ad una ruota fermando la corsa dei rapinatori: uno di essi è stato arrestato e condotto in carcere.

L’arresto per furti nei vivai

Nella decorsa notte, la Polizia di Stato di Pistoia ha proceduto all’arresto di D. R., cittadino albanese di anni 34 residente a Quarrata, nella flagranza del reato di rapina in concorso con ignoti in danno del proprietario di un vivaio ubicato a Pistoia.
In particolare, nella serata di ieri 17 marzo u.s., verso le ore 21, il proprietario del vivaio, veniva informato telefonicamente da un suo collega di lavoro che gli riferiva di aver notato uno o due individui all’interno del vivaio di sua proprietà.
Il proprietario verificava la veridicità dell’informazione visionando le immagini del sistema di video sorveglianza attraverso l’apposita applicazione sul telefono cellulare, appurando che effettivamente vi erano uno o due individui che si aggiravano all’interno della sua proprietà.
Considerato che negli ultimi tempi egli aveva subito diversi furti e anche danneggiamenti di ingente valore, decideva di andare sul luogo, portandosi al seguito anche una pistola regolarmente detenuta con porto d’armi per difesa personale.

Giunto sul luogo notava che sul ciglio della strada che costeggia il vivaio vi erano diverse piante di “palme tropicali” che erano state rimosse dalla loro posizione originale e portate al di fuori della proprietà, verosimilmente pronte per essere “caricate/trasportate”. Inoltre, scendendo dalla vettura, notava, nascosto dietro una pianta di alto fusto, una persona accovacciata, la quale, vedendosi scoperta, usciva dal proprio nascondiglio e saltando il fosso di confine, con fare aggressivo e minaccioso si dirigeva verso la parte offesa che contattava immediatamente la Polizia al numero di emergenza 113. Nel frattempo in zona transitava un automobilista che si fermava per prestare aiuto.

L’individuo, nonostante la presenza di più persone, non desisteva nella propria condotta continuando a dirigersi il proprietario del vivaio con fare minaccioso. Questi, per evitare il contatto, indietreggiava mantenendo un’opportuna distanza, accorgendosi tra l’altro che sul fianco destro del soggetto spuntava, da sotto il giaccone, una custodia porta ascia/pennato, immediatamente riconosciuta perché attrezzo comune dagli addetti ai lavori. A questo punto, temendo per la propria incolumità estraeva la pistola tenendola con la canna rivolta verso terra a scopo intimidatorio.

Leggi anche:  Capodanno 2020, tutti gli eventi di Pistoia e provincia

Il soggetto, tuttavia, continuava ad andargli incontro facendolo arretrare per circa 100 metri. In tale frangente sopraggiungeva un’autovettura con un complice che si fermava di fronte al denunciante, con i fari abbaglianti puntati, facendo salire a bordo il primo individuo. Dopodiché ripartiva velocemente verso di lui che, a quel punto, istintivamente si spostava dalla carreggiata per non essere investito ed esplodeva un primo colpo in aria a scopo intimidatorio ed un secondo all’indirizzo del pneumatico anteriore destro che veniva attinto provocando l’interruzione della marcia.

Entrambi i soggetti scendevano immediatamente dall’auto con intenti aggressivi e minacciosi nel chiaro intento di guadagnare la fuga.
Proprio in quel momento giungeva sul posto personale di una Volante della Questura che bloccava uno dei due aggressori traendolo in arresto, mentre l’altro riusciva a scappare dileguandosi tra le piante.
Da un immediato riscontro sul luogo, si appurava che erano state sottratte circa 10-15 piante di “palma” in vaso di 50 cm di diametro in plastica nera, mentre altre 18 erano sul ciglio della strada fuori dalla proprietà, pronte per essere caricate. Il valore delle piante rubate era di circa 200 € cadauna, per un totale di 2.000 / 2.500 euro, non coperto da assicurazione.

Sul posto interveniva immediatamente anche personale della Squadra Mobile che coadiuvava il personale della Squadra Volante nelle ricerche del fuggitivo che davano esito negativo. Sono in corso indagini finalizzate ad individuare il complice dell’arrestato sottrattosi alla cattura. Esperite le formalità di rito, l’arrestato veniva condotto presso il carcere di Pistoia a disposizione del Pubblico Ministero di turno, Luigi Boccia.

Rimane, quindi, elevata la concentrazione di furti nei vivai nella piana pistoiese: una piaga sempre più dilagante.

LEGGI ANCHE:Rinviato il funerale dell’operaio vivaista morto a Pistoia