Furto in abitazione: i Carabinieri della Stazione di Castelfiorentino, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, hanno arrestato Januzi Gemi, 48enne di origini croate domiciliato a Firenze presso un campo nomadi, e Jahovic Ibrahim, fiorentino di 28 anni residente a Firenze, entrambi disoccupati e pregiudicati, in particolare per reati contro il patrimonio.

Furto in abitazione: il colpo

Il provvedimento, emesso dal GIP presso il Tribunale di Firenze (Dott.ssa Agnese di Girolamo) su richiesta della Procura della Repubblica (Dott.ssa Christine Von Borries), scaturisce da un’indagine avviata a seguito di alcuni furti in abitazione avvenuti nella frazione Cambiano ad ottobre 2018. Gli episodi delittuosi contestati sono due: nel primo caso, dopo aver messo a soqquadro l’abitazione senza sottrarre alcun oggetto, i due erano stati disturbati da alcuni vicini della vittima che li avevano visti anche fuggire a bordo di un’autovettura nera; nel secondo episodio, avvenuto qualche giorno dopo, erano invece riusciti a rubare circa 1.000 euro in contanti, due orologi di valore e alcuni monili in oro prima di allontanarsi, sempre a bordo della stessa autovettura.

Il modus operandi

Il modus operandi utilizzato in entrambi i casi prevedeva un primo sopralluogo nel corso del quale i soggetti studiavano le abitazioni, bussando anche alle porte con scuse banali (richiedendo ad esempio acqua da bere). Successivamente uno dei due si posizionava in auto a breve distanza, fungendo da “palo” e pronto a scappare, mentre l’altro effettuava il colpo per poi raggiungerlo. In due casi però sono stati notati da alcuni vicini mentre si allontanavano dalle abitazioni appena visitate: dopo un furto è stata vista anche l’auto (un’Alfa Romeo GT nera) e parte della targa. Quel modello di auto, nell’estate scorsa era stata controllata dai Carabinieri della Stazione di Montaione con a bordo proprio i due soggetti insieme ad un terzo. Anche il parziale di targa combaciava perfettamente.

Leggi anche:  Ragioniere evasore totale scoperto dalla Finanza

Gli arresti

A seguire, nel corso dell’attività investigativa, i due soggetti sono stati riconosciuti anche dai testimoni. Januzi e Jahovic avevano tra l’altro moltissimi pregiudizi per reati simili avvenuti nella provincia di Firenze (furti in abitazione, rapine improprie e possesso digrimaldelli). Tutte le risultanze delle indagini sono state comunicate alla Procura dellaRepubblica di Firenze che ha richiesto ed ottenuto l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per entrambi i soggetti ai quali è stata notificata ieri pomeriggio. Januzi si trovava già a Sollicciano per altro motivo, mentre Jahovic è stato arrestato a Firenze.

LEGGI ANCHE: TRASPORTANO DROGA ARMATI, ARRESTATI DUE UOMINI

LEGGI ANCHE: VIRTUS PALLAVOLO POGGIBONSI PROMOSSA IN PRIMA DIVISIONE