«Attenzione: le forze dell’ordine segnalano la presenza di tre uomini su una Fiat Punto bianca, vestiti in modo tale da evocare i carabinieri e con la pettorina catarifrangente, imitazione di quella di Acque Spa». Non sono né miliari, né operatori dell’azienda che gestisce il servizio idrico integrato, ma truffatori. La segnalazione arriva direttamente dal sindaco di Gambassi Terme Paolo Campinoti, che riferisce anche già di due truffe tentate proprio a Gambassi Terme.

I consigli dei carabinieri

Per evitare di incorrere in spiacevoli situazioni, i carabinieri ripetono alcuni consigli utili: «Non aprite agli sconosciuti e non mandate i bambini ad aprire la porta; in caso di consegna di lettere e pacchi, chiedete che vengano lasciati nella cassetta della posta o sullo zerbino; nel caso in cui abbiate dei sospetti, telefonate all’ufficio di zona dell’ente e verificate la veridicità dei controlli da effettuare». I militari dell’Arma ricordano che la visita di un operatore viene sempre preannunciata con un avviso (apposto al portone) che indica il motivo, il giorno e l’ora. Bisogna anche stare attenti a non chiamare utenze telefoniche fornite dagli interessati perché dall’altra parte potrebbe esserci un complice. Per questi casi, è bene tenere a disposizione, accanto al telefono, un’agenda con i numeri dei servizi di pubblica utilità. E, nel dubbio, chiamare i carabinieri.