Singolare provvedimento preso dalla Questura di Pistoia dopo i fatti accaduti lo scorso 9 settembre in occasione dell’amichevole di basket, al PalaCarrara, fra Pistoia e Milano: daspo di un anno per un 55enne pistoiese che offendeva i giocatori avversari e, nell’allontanarsi, cadeva a terra facendo finire allo stesso modo anche un agente di polizia.

Daspo per offese ai giocatori di Milano al PalaCarrara

La Polizia di Stato ha denunciato e daspato un 55enne pistoiese in occasione del recente incontro amichevole di Basket tra le compagini di Pistoia e Milano “OriOra Pistoia – AX Armani Exchange Olimpia Milano”, svoltosi lo scorso lunedì 9 settembre al “Pala Carrara”.

In particolare al termine dell’incontro, quando le squadre stavano rientrando nei rispettivi spogliatoi attraverso i tunnel dislocati ai lati della tribuna centrale ed il pubblico defluiva dall’impianto, veniva notato un soggetto che sporgendosi dalla balaustra della tribuna si protendeva all’interno del tunnel della squadra ospite, urlando frasi offensive ai giocatori.
Pertanto, in considerazione della potenziale turbativa dell’ordine pubblico derivante da tale comportamento il poliziotto di servizio invitava alla calma il soggetto e visto il perdurare dello stato di agitazione veniva invitato ad esibire i propri documenti identificativi.
Quest’ultimo, dopo essersi categoricamente rifiutato d’aderire all’ingiunzione, tentava repentinamente di allontanarsi, ma in conseguenza del movimento scomposto attuato, rovinava a terra causando la caduta anche del poliziotto il quale riportava lesioni personali successivamente certificate dal locale Pronto Soccorso.

Leggi anche:  Attentato in Iraq, tra i feriti ce n'è uno di Siena

In considerazione di quanto sopra, dopo aver riscontrato e verificato l’inequivocabile dinamica dei fatti imputabili al comportamento tenuto dal sedicente tifoso, lo stesso è stato denunciato alla competente autorità giudiziaria per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, nonché del rifiuto di fornire le proprie generalità.

Inoltre ritenuto che tale comportamento ha rappresentato un obiettivo e concreto pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica, potendo pregiudicare il regolare svolgimento della manifestazione è stato disposto il divieto di accedere ai luoghi ove si svolgono competizioni di basket, ufficiali ed amichevoli, relative a campionati e tornei nazionali, sia professionistici che dilettantistici, nonché delle rappresentative giovanili disputate dalle squadre regolarmente iscritte alla F.I.P. e a tutte le competizioni ufficiali ed amichevoli delle nazionali di basket che verranno disputate in Italia e negli altri Stati appartenenti all’Unione Europea, per la durata di 1 anno.
E’ la prima volta che viene emesso un simile provvedimento in relazione ad un incontro amichevole di basket nella nostra provincia segno della sempre maggiore attenzione verso ogni forma di violenza e turbativa che riguardi ogni livello di competizione sportiva nonché per garantire in ogni circostanza a tutti gli spettatori di assistere in serenità ad ogni tipo di manifestazione.

LEGGI ANCHE: A Firenze il figlio di Umberto Bossi non paga il conto al ristorante, denunciato