Un pirata della strada è stato arrestato dopo un rocambolesco inseguimento sulla A/11. L’uomo, un fiorentino di 39 anni, è stato fermato dalle pattuglie della Sottosezione di Firenze Nord per i controlli con l’alcoltest. Il fiorentino ha cercato di dileguarsi a folle velocità, imboccando contromano le rampe che collegano la Firenze-Mare con l’A/1. Per fortuna, gli altri veicoli sono riusciti a schivarlo, mentre i poliziotti che lo inseguivano davano l’allarme alla Centrale Operativa per scongiurare incidenti.

Inseguito dalla Polstrada ha ripreso l’A/11 nel corretto senso di marcia. All’altezza di Campi Bisenzio, si è trovato chiuso nella morsa a tenaglia che i poliziotti gli avevano preparato. Ormai in trappola l’uomo è sceso dall’auto, una Volkswagen nera, per cercare di dileguarsi a piedi nella vicina scarpata ma gli agenti lo hanno placcato. Durante la cattura, due di loro sono rimasti contusi per i calci e pugni sferrati dall’energumeno, visibilmente ubriaco, tant’è che l’ospedale di Careggi li ha refertati con sette giorni di prognosi ciascuno.

Leggi anche:  Scomparso in auto tra Firenze e Siena: trovato senza vita

Il pirata della strada, con numerosi precedenti per guida in stato di ebbrezza e reati violenti, è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, nonché per avere messo in pericolo la sicurezza degli altri automobilisti. La Polstrada ha sequestrato l’auto e ritirato la patente del pirata della strada, togliendogli 31 punti. Ora l’uomo rischia di non poter più guidare e dovrà pagare all’Erario oltre 15.000 euro per tutte le infrazioni commesse.