Si chiude una vicenda che ha fatto crescere la rabbia nella frazione di Gello: ai domiciliari con braccialetto elettronico finisce un 31enne albanese, il ladro equilibrista. Stava tentando di rubare nella casa di un poliziotto della Questura di Pistoia: è stato bloccato dopo un breve inseguimento.

Ladro acrobata: fine dell’avventura

Ieri sera, giovedì 3 gennaio, è stato arrestato dalla Polizia di Stato un albanese per tentato furto in abitazione. Nel corso di specifici servizi per la repressione dei reati contro il patrimonio ed in particolare dei furti in abitazione si è proceduto all’arresto di un cittadino albanese di 31 anni che aveva appena tentato un furto in abitazione in via Sarripoli e Brocchi.

In particolare il malvivente tentava di entrare nell’abitazione di un poliziotto della Questura quando quest’ultimo lo scorgeva sul suo terrazzo. L’albanese, a quel punto, vistosi scoperto, si gettava dal terrazzo situato al primo piano e si dava alla fuga. Il poliziotto, insieme ad un vicino, si metteva all’inseguimento del ladro ma ad un certo punto lo
Perdevano di vista.

Leggi anche:  Trasporto scolastico, indetta una gara per affidare il servizio

Una Volante, tuttavia, giunta in zona, riconosceva poco lontano dal luogo del tentato furto, grazie alla descrizione, il ladro e procedeva ad un suo controllo. Insieme a personale della Squadra Mobile procedevano, inoltre, a perquisire la vettura dell’albanese all’interno della quale veniva trovata altra refurtiva in gioielli. Il cittadino albanese veniva pertanto tratto in arresto per tentato furto in abitazione e denunciato per ricettazione. In seguito a giudizio direttissimo il Giudice disponeva gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Tale arresto è il frutto di una costante attività investigativa e di controllo del territorio da parte della Squadra Mobile e delle volanti, volta alla prevenzione e repressione dei reati predatori e che va avanti da tempo.

Di questa vicenda si era occupato, con una testimonianza oculare, il “Giornale di Pistoia e della Valdinievole” poco prima di Natale perché i furti si ripetevano oramai da diverse settimane: in totale, infatti, sembra ne siano stati messi a segno poco più di una decina. Ulteriori approfondimenti nel prossimo numero del Giornale in edicola venerdì 11 gennaio.