L’episodio è accaduto lo scorso 15 gennaio in Corso Amendola, in pieno centro di Pistoia, all’esterno di un condominio. Per colui che è stato colpito dal getto dello spray cinque giorni di prognosi, per gli altri due è scattata la denuncia per lesioni e porto abusivo d’armi.

Spray al peperoncino durante la lite a Pistoia

Una vicenda che pone all’attenzione della collettività l’uso dello spray al peperoncino, sempre più di attualità. Il fatto si è svolto a Pistoia, lo scorso 15 gennaio, all’esterno di un condominio di corso Amendola – in pieno centro quindi – nel tardo pomeriggio.

Protagonisti il proprietario di un appartamento dello stesso, ed un intermediario, assieme all’inquilino che aveva chiamato il primo per segnalare problemi di approvigionamento di corrente elettrica. Inoltre c’erano alle spalle anche pagamenti arretrati non effettuati e la discussione ha preso una brutta piega trasformandosi in rissa. E’ stato in quei momenti che, i due uomini, hanno tirato fuori lo spray al peperoncino che non rispettava le caratteristiche dell’apposito decreto ministeriale ed è partito lo spruzzo contro l’inquilino.

Leggi anche:  Amarezza Pistoia: sarà Tbilisi la Capitale Mondiale del Libro 2021

Per quest’ultimo cinque giorni di prognosi, per gli altri due una denuncia per lesioni e porto abusivo d’armi perché, appunto, lo spray al peperoncino non rispettava le direttive richieste. Con questi reati contestati si può rischiare anche fino a due anni di reclusione. Il tutto è stato spiegato oggi, martedì 22 gennaio, in una apposita conferenza stampa in Questura alla presenza del commissario capo Duccio Ciappelli.

Ulteriori sviluppi sulla vicenda ed i consigli da parte della Polizia di Stato sull’uso dello spray all’interno del “Giornale di Pistoia e della Valdinievole” in edicola il prossimo 25 gennaio.

LEGGI ANCHE:Rissa davanti a scuola, spunta anche lo spray al peperoncino