Incredibile sviluppo nella vicenda che ha tenuto col fiato sospeso due palazzine all’angolo fra Viale Italia e via Pagliucola nella notte fra domenica 10 e lunedì 11 marzo. E’ finita in cella una donna di 63 anni accusata di incendio doloso: all’interno del bar ed in due appartamenti attigui aveva piazzato oltre 30 inneschi. La donna è la titolare dello stesso Bar Damasco e dei due appartamenti.

Il dramma di via Pagliucola

La vicenda è stata spiegata in una apposita conferenza stampa convocata dalla Questura di Pistoia nella mattinata di lunedì 11 marzo alla presenza del caposquadra dell’ufficio Polizia Giudiziaria dei Vigili del Fuoco di Pistoia, Eustachio Bia, e del commissario capo della Polizia di Stato Duccio Ciappelli che hanno ricostruito le ore convulse della nottata.

Dopo l’intervento dei Vigili del Fuoco, infatti, sono stati rinvenuti una trentina di inneschi fra il bar Damasco, un appartamento situato in viale Italia 48 ed in via Pagliucola 61: tutti i locali erano della stessa persona, ovvero la donna 63enne che è stata salvata all’interno del proprio appartamento – assieme ai suoi due gatti – dai pompieri stessi. La donna, dopo le cure al pronto soccorso, è stata trasferita presso il carcere di Sollicciano a Firenze.

Leggi anche:  Poggibonsi, incidente mortale sulla strada di Lecchi

LEGGI ANCHE:rogo in via Pagliucola, salvata dai pompieri una donna e i suoi gatti

Una vicenda che ha coinvolto, indirettamente, una ventina di famiglie che abitano nei due stabili e che poteva avere conseguenze ben più gravi.

Ulteriori aggiornamenti ed approfondimenti all’interno del GIORNALE DI PISTOIA E DELLA VALDINIEVOLE in edicola venerdì 15 marzo.