Una campigiana racconta il brutto episodio accaduto durante il funerale di un’amica. L’articolo era uscito su BISENZIOSETTEdel 9 marzo scorso.

Sepoltura choc, bara «affogata» per la pioggia

E’ stato un vero e proprio choc per una donna di Campi Bisenzio assistere al funerale di un’amica la scorsa settimana. La donna infatti ha subito mostrato tutta la propria indignazione per il modo in cui è stata trattata la salma.

«Mercoledì è morta una mia amica, mamma di due ragazzi – ha raccontato – Giovedì non hanno potuto fare il funerale perché il cimitero comunale era chiuso per la neve quindi è stato rimandato a venerdì mattina. Quando siamo arrivati lì c’era la fossa piena d’acqua. Hanno calato la bara dentro ma galleggiava. Hanno cominciato a buttarci la terra sopra ma non andava giù, continuava a “dondolare”. Allora hanno iniziato a buttare la terra ai piedi della cassa, in questo modo però la cassa è andata giù solo da una parte».

Il dolore di amici e parenti

Una situazione davvero spiacevole per i presenti che si è aggiunta al dolore di dare l’ultimo saluto a una persona cara e che si è risolta quando gli addetti hanno deciso di intervenire in maniera più energica.

«Alla fine, non riuscendo a buttarla giù in altro modo, hanno preso la ruspa e hanno rovesciato sopra la terra con violenza – ha raccontato ancora la donna – A questo punto la cassa è sprofondata e tutta l’acqua è uscita come se fosse una fontana. E’ stata una sensazione bruttissima, hanno affogato una donna dopo che era morta. Eravamo talmente sconvolti che stavamo quasi pensando di chiamare i carabinieri. Mi è preso male a vedere la mia amica trattata così, senza umanità. Possibile che non si rendano conto che lì dentro c’è una persona? Sarebbe bastato che la mettessero in cappellina in attesa di togliere l’acqua o che aspirassero con un’idrovora, possibile che il Comune di Campi non ne abbia una per queste situazioni? Per due notti non sono riuscita a dormire al pensiero di quella donna trattata così».

Leggi anche:  Eliminazione del medico dal punto di emergenza territoriale

Ancora sconvolti

La donna infatti è ancora sconvolta per la scena a cui ha assistito. «E’ una vergogna che una cosa del genere sia accaduta nel cimitero Comunale. Io capisco che pioveva e che il giorno prima era nevicato, capisco tutto, ma è l’ignoranza che mi ha dato fastidio, per seppellire una persona ci vuole rispetto».

LEGGI ANCHE: GINECOLOGA SOSPESA, PARLANO DUE PAZIENTI: “STAVAMO MALE”.

TI POTREBBE INTERESSARE: REATI, SCOPRI I PIU’ FREQUENTI COMUNE PER COMUNE.