Traffico di esseri umani: trasportavano in maniera illegale decine di clandestini che provenivano da paesi asiatici. Sri Lanka, Bangladesh. La rotta era Romania-Ungheria-Italia.

Traffico di esseri umani: sgominata banda con sede a Lucca

In nove sono finiti in manette nell’ambito dell’operazione Lucca: le accuse vanno dal favoreggiamento dell’immigrazione clandestina all’estorsione. Si tratta di sei cittadini dello Sri Lanka e di tre rumeni.

L’associazione criminale

I costi per il trasporto andavano dai 3.500 fino ai 7.000 euro. E chi non poteva pagare veniva trattenuto anche per giorni in un casolare nella provincia di Monza Brianza. La mente operativa di questa organizzazione era di casa a Lucca, dove risiede Fernando Saman Priyantha Porutotage, fratello di uno dei due arrestati per l’omicidio di Roshan Silva Kalukankanamalage, ex militare 50enne ucciso nel suo appartamento dai suoi coinquilini lo scorso 17 aprile.

L’operazione era iniziata il 14 dicembre

Gli inquirenti hanno ricostruito l’intera dinamica operativa e tutte le modalità che venivano utilizzate. I primissimi contatti avvenivano con le famiglie dei clandestini o con chi doveva essere trasportato. Dopodiché i passeggeri vanivano nascosti, rannicchiati all’interno del camion in condizioni estreme in mezzo a carichi di infissi destinati in Italia. Il viaggio durava anche dodici ore, il sodalizio criminale aveva radici che si espandevano fino al nord Italia.

Leggi anche:  Cade durante un'escursione: recuperato con l'elicottero dei vigili del fuoco

LEGGI ANCHE:A cavallo dell’anno: è polemica su sardinArt 

LEGGI ANCHE:Il mercato in piazza è la “Fiera di Boccaccio” 

TORNA ALLA HOME PER ALTRE NOTIZIE