Sono stati premiati questa mattina, 14 settembre, nel parterre di Palazzo Pretorio a Certaldo, i tre giovani studiosi selezionati dall’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio per i loro studi sul grande novelliere toscano nell’ambito della 38esima edizione del Premio Boccaccio 2019.

Si tratta di Enrico Moretti per la sua tesi di laurea magistrale discussa presso l’Università degli Studi Roma Tre nel 2018, dal titolo “Il codice Mannelli del Decameron e l’autografo hamiltoniano: collazione integrale e nuove riflessioni critiche”; di Sara Catalano per la sua tesi di dottorato discussa nel 2018 presso l’Université Sorbonne Nouvelle – Paris 3 in co-tutela con l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”, intitolata “La ‘Comedia delle ninfe fiorentine’; e di Antonio Sotgiu (ex aequo) per la tesi di dottorato in Letteratura italiana e comparata, intitolata “Le Décaméron de Boccace au prisme des théories du roman”, discussa nel 2018 presso l’Université Sorbonne Nouvelle – Paris 3 sotto la guida dei professori Philippe Guérin e Françoise Lavocat.

A consegnare i premi erano presenti il professor Stefano Zamponi, presidente dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio, il sindaco del Comune di Certaldo Giacomo Cucini, la presidente dell’Associazione Letteraria Giovanni Boccaccio Simona Dei, nonché il Governatore del Rotary Club Distretto 2071 Massimo Nannipieri e il presidente del Rotary Club Valdelsa Giuseppe Righi da tempo sostenitori del progetto “Boccaccio Giovani” e dei talenti delle giovani generazioni.

Leggi anche:  Spotlight Award: il premio ad un fotografo poggibonsese

Dopo la consegna dei riconoscimenti ha fatto seguito l’incontro “Un filo rosso che parte da Boccaccio e arriva sino a Foscolo e Leopardi”, con Luigi Guarnieri, il poeta Davide Rondoni e la scrittrice e membro della Giuria del Premio Boccaccio Marta Morazzoni. L’incontro, moderato dalla giornalista Maria Antonietta Cruciata, è stato arricchito dalla lettura di alcune poesie di Foscolo, interpretate dall’attrice Benedetta Giuntini.

La cerimonia

Nel pomeriggio, al Teatro Boccaccio di Certaldo, si terrà la cerimonia di premiazione (regia di Gabriele Gatti) della 38esima edizione Premio Boccaccio assegnato a Luigi Guarnieri (narrativa italiana), André Aciman (narrativa straniera) e a Barbara Stefanelli (giornalismo).

L’evento, condotto dalla  giornalista Rai Adriana Pannitteri, vedrà sul palco l’attrice Lucia Poli, che interpreterà alcuni brani delle opere dei vincitori e una novella di Messer Boccaccio, padrino indiscusso dell’evento, con l’accompagnamento musicale di Marco Turriziani (chitarra), Mauro De Vita (fagotto), Salvatore Zambataro (clarinetto/fisarmonica) alla presenza della giuria (presieduta da Sergio Zavoli e rappresentata da Agnese Pini, Paolo Ermini, Stefano Folli, Antonella Cilento, Marta Morazzoni e Luigi Testaferrata).