Inaugurata la stagione teatrale del Politeama Pratese: domani inizia la campagna abbonamenti.

Inaugurata la stagione teatrale del Politeama Pratese

Inaugurata la stagione teatrale del Politeama Pratese. Il teatro Politeama Pratese presenta la nuova stagione teatrale 2018/2019, un cartellone brillante, ricco di spettacoli dedicati al buon divertimento, all’opera e all’operetta, che non disattende le aspettative del pubblico che da oltre venti anni lo frequenta con passione.

Si inaugura il 10 e l’11 novembre con la commedia esilarante “Alle 5 da me” di Pierre Chesnot per la regia di Stefano Artissunch, che racconta dei disastrosi incontri sentimentali di un uomo e di una donna. Protagonisti Gaia De Laurentiis che interpreta cinque donne che corteggiano un uomo, e Ugo Dighero, che invece darà voce e volto a cinque uomini che corteggiano una donna.

Il 24 e 25 novembre Francesco Pannofino ed Emanuela Rossi di nuovo insieme con la muova commedia di Gianni Clementi “Bukurosh mio nipote”, una raffinata riflessione sulla società contemporanea: la famiglia multietnica con annessi pregiudizi e relative differenze culturali.

Leggi anche:  Museo Archeologico di Artimino: “Il tempo sospeso in arte”

Dicembre si apre con un fuori abbonamento: domenica 9 appuntamento dedicato all’opera con uno dei capolavori di Giacomo Puccini, “Madama Butterfly”, che rinnova il consolodato sodalizio tra Politeama, associazione Pratolirica e Scuola comunale di musica G. Verdi di Prato.

Sandro Querci, immancabile e affezionata presenza nel cartellone degli ultimi anni presenta il 15 e 16 dicembre in prima nazionale una sua personale rivisitazione de “Il Barbiere di Siviglia”. Un’incursione nella musica internazionale pop latina, sudamericana e spagnola, arricchita da una scenografia sorprendente fatta di luci e colori.

Il 26 dicembre dopo qualche anno di assenza torna un graditissimo must fuori abbonamento: Massimo Ranieri in “Sogno e son desto… 400 volte” per la gioia delle fan pratesi. Uno spettacolo che si rinnova di replica in replica. Resta immutata la formula vincente con Ranieri interprete dei suoi grandi successi musicali, ma sempre attore e narratore.