La causa di tutti i mali del mondo? I giovani ovviamente. A lanciare questa teoria sono una banda di anziani, protagonisti del primo romanzo scritto da Lorenzo Ciampi. E’ una vera e propria rivolta degli anziani contro i giovani infatti quella raccontata nel libro.

L’autore

Campigiano, 44 anni, laureato in scienze politiche, con una passione per la scrittura che coltiva da tempo, ha raccontato così com’è nata l’idea del suo libro “Il club degli anziani”:

“Ho scritto diversi racconti brevi, ma solo per gli amici, poi questa cosa è cresciuta. Quando ho iniziato a scrivere “Il club degli anziani” non avevo intenzione di pubblicarlo, poi ho cominciato a farlo leggere a un po’ di amici a cui è piaciuto, mi hanno detto che scorreva e che funzionava. Da lì ho iniziato a contattare alcune case editrici finché non mi sono imbattuto nella Porto seguro”.

In questo primo romanzo Lorenzo Ciampi si è ispirato alla sua esperienza lavorativa.

“Sono un operatore sociale – ha proseguito – quindi sono a contatto col mondo degli anziani. La narrazione che abbiamo sentito spesso in questi anni è che se il mondo va male è per colpa dei vecchi, siamo passati anche dalla fase della rottamazione, io invece mi sento molto vicino al mondo degli anziani”.

Il romanzo e la rivolta degli anziani contro i giovani

Ed è proprio questo mondo il fulcro del romanzo

“I protagonisti sono tre anziani, due uomini e una donna, che si trovano in un centro diurno. Qui danno vita al club degli anziani che ha un primo obiettivo politico: loro pensano che il motivo per cui le cose vanno male siano i giovani, perché hanno smesso di combattere. Per portare avanti il loro piano però hanno dei problemi di carattere fisico visto che sono tutti sull’ottantina, così decidono di arruolare temporaneamente un giovane che lavora al centro diurno, non molto brillante, e di addestrarlo. A questo punto il libro diventa anche un po’ un giallo, perché un altro vecchietto, un liberale all’antica, comincia a indagare su ciò che stanno facendo i tre protagonisti e decide di sfidarli facendo delle elezioni al centro diurno”.

A questo punto la storia prende una piega inaspettata, tanto da richiedere un’indagine della polizia.

“In questo romanzo c’è tanto della mia esperienza lavorativa – ha commentato Lorenzo Ciampi -, faccio questo lavoro da circa 13-14 anni, e ci sono anche riflessioni politiche”.

L’autore inoltre non esclude l’idea di dare un seguito alle vicende dei tre vecchietti rivoluzionari. Il libro è uscito da circa un mese ed è già possibile acquistarlo online, soprattutto su ibs, o a Campi Bisenzio alla cartolibreria La Rocca.

Leggi anche:  Disperso a Calenzano: era andato a fare un giro in bici

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI: Il campione di nuoto Paolo Costoli era campigiano