Accampamento nomadi vicino al Ponte Einstein, Forza Italia e Fratelli d’Italia tornano all’attacco sul tema dell’ordine pubblico.

“Continua, senza risolversi, la problematica dell’occupazione abusiva nei pressi nel Ponte Einstein da parte di una carovana di nomadi. Si tratta di un fatto di una gravità inaudita – dichiarano congiuntamente  Paolo Gandola, capogruppo di Forza Italia a Campi Bisenzio e Alessandro Ciaccheri, portavoce di Fratelli d’Italia a Campi -. È oramai una settimana che il problema si trascina senza riuscire a debellarlo e senza riuscire a ripristinare  sicurezza e decoro all’intera area dove, peraltro, il cartello con divieto di campeggio  è installato ben in vista”.

Non solo l’accampamento di camper e roulotte è sempre presente, ma in questi giorni il degrado di tutta l’area è aumentato a vista d’occhio con veri e propri  cumuli di rifiuti urbani dispersi su tutta la porzione del parcheggio. Si riscontrano decine di minori presenti e addirittura lunghi filari di panni stesi ad asciugare.

Forza Italia e Fratelli d’Italia contestano aspetti legati all’ordine pubblico, alla sicurezza ed anche allo smaltimento dei rifiuti, nonché questioni di decoro urbano. Durante la sera viene segnalata anche la presenza di barbecue, utilizzo di bombole del gas e fuochi vivi. L’area è poi utilizzata come latrina a cielo aperto e ora il rischio è lo sviluppo di un vero problema igienico e sanitario che riguarda l’intera zona.

Leggi anche:  Autopalio Siena-Firenze: approvata la mozione della maggioranza a Poggibonsi

Gandola e Ciaccheri si appellano ancora una volta alla Polizia Municipale , già intervenuta più volte, e all’Amministrazione comunale.

“Occorre mantenere  la mano rigida per far rispettare le regole e per combattere i fenomeni di degrado. In attesa dell’adozione anche a Campi del Daspo Urbano, il Sindaco adotti una ordinanza urgente che impedisca ai nomadi di stazionare e campeggiare occupando abusivamente il suolo pubblico con attrezzature e masserizie e che utilizzando veicoli, furgoni, autocaravan, camper, e similari  stanno creando disagio e insicurezza nella cittadinanza per le condizioni igieniche e di pulizia dell’area. Dopo sette giorni è francamente inaccettabile continuare a tollerare questa situazione”.