Aeroporto, Stella e Marchetti: «Rossi faccia pace coi suoi atti di governo: ora si finge paladino di una partita che ha voluto perdere, non è credibile».  Le prime parole del ministro dell’Interno Matteo Salvini sull’aeroporto di Firenze hanno già fatto discutere, così come la replica positiva del presidente della Regione Enrico Rossi.

Aeroporto, Forza Italia attacca Rossi

«Le parole del vicepremier Salvini sull’aeroporto di Firenze confermano una volta di più l’unità del centrodestra a favore dello sviluppo dello scalo del capoluogo toscano all’interno di un sistema regionale che nulla toglie a Pisa, anzi. Semmai Rossi faccia pace coi suoi atti di governo e smetta di fingersi paladino di una partita che ha voluto rischiare di perdere lui stesso quando con la sua maggioranza si rifiutò, nel 2014, di accogliere l’emendamento con cui Forza Italia avrebbe voluto inserire nel Pit la prescrizione della nuova pista per Peretola a 2.400 metri. E’ per colpa di quel diniego di Rossi e compagni se oggi ancora c’è chi può pensare di rimettere in discussione il progetto». A parlare così sono il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (FI), e il capogruppo di Forza Italia all’Assemblea toscana, Maurizio Marchetti, commentando l’intervista rilasciata oggi a Ladyradio dal leader della Lega Matteo Salvini e la conseguente reazione di plauso di Enrico Rossi.

«Noi di Forza Italia insieme a tutto il centrodestra siamo stati sempre soli, e anche isolati da Rossi e dalla sua maggioranza, a sostenere l’esigenza per la Toscana tutta di mobilità maggiore e migliore per il rilancio di economie e sviluppo. Il governo regionale e i sindaci di sinistra hanno sempre tirato il freno. Se Rossi nel frattempo ha cambiato idea traduca le sue frasi di giubilo in atti concreti anziché in lanci d’agenzia a favor di popolo. Solo così, non con le parole, sarà credibile».

Leggi anche:  Presidio di Forza Nuova a Prato: per ora ha vinto la paura

LA PROTESTA DEGLI ABITANTI: “NON RIUSCIAMO NEMMENO A TELEFONARE QUANDO PASSANO GLI AEREI”