Bussagli su progettazione: il candidato a sindaco al Comune di Poggibonsi parla di sistema del verde, parco fluviale, recupero di aree strategiche, orti urbani.

Bussagli su progettazione: le misure in campo

Potenziare il sistema del verde, realizzare il parco fluviale, recuperare aree strategiche e investire sulla riqualificazione di strade e piazze.

Andremo avanti sul percorso di rigenerazione – dice il candidato a sindaco David Bussagli – come emerso dai tavoli di partecipazione e sulla base di un’idea precisa di città che è quella descritta nel nuovo Piano Operativo, strumento principe nel governare lo sviluppo in termini di qualità della vita, tutela del territorio aperto, opportunità di insediamento e lavoro”.

Sulla rigenerazione

 “Accanto ai lavori prossimi in piazza Berlinguer e per il parcheggio nell’area accanto alla stazione acquisita di recente, nel futuro c’è la concretizzazione di quanto previsto nel Piano Operativo con servizi e spazi pubblici nelle aree di trasformazione. E quindi parcheggi, percorsi di collegamento con l’area boscata e un nuovo parco al Palagetto, servizi e valorizzazione del rapporto con la Fortezza in via Sangallo. Proseguiremo inoltre nella riqualificazione di aree strategiche. Dopo il recupero del parco che sarà intitolato alle impagliatrici, dobbiamo cogliere la grande opportunità offerta dalla progettualità attivabile nell’area ex Egizia in via Suali. Sarà inoltre necessario elaborare con le rispettive proprietà prospettive di recupero di tre spazi urbani come l’ex albergo  a Staggia, la fornace alle Piaggiole, l’Enopolio”.

Rigenerare i centri

Svilupperemo il percorso di riqualificazione avviato, in particolare guardando alla parte esposta verso viale Garibaldi. Sarà fondamentale migliorare l’accessibilità e i collegamenti con il centro in termini di cura, decoro, sicurezza e anche fruibilità. Un capitolo a parte merita la sfida che si apre per il centro di Staggia. La futura realizzazione della tangenziale, oggi in fase di progettazione da parte della Regione Toscana, determina le condizioni per avviare la fase di progettazione per una rigenerazione complessiva del centro storico di Staggia e per una sua valorizzazione. Un nuovo equilibrio di funzioni generato anche da un processo di riqualificazione degli spazi pubblici. Una rigenerazione – chiude il candidato – che passa quindi dall’ampliamento delle aree verdi e di connessione con il centro, ma anche dal completamento delle ciclabili, dal decoro, dalla valorizzazione delle aree naturali e agricole anche con gli orti sociali/urbani, dalla cura degli spazi urbani e dalla maggiore sensibilizzazione verso un loro corretto utilizzo”.

LEGGI ANCHE: EVASIONE INTERNAZIONALE: RECUPERATI 6,5 MILIONI DI EURO

Leggi anche:  Visita al tempio buddista per i candidati al consiglio comunale Marina Grasso e Andrea Risaliti

LEGGI ANCHE: GIRO D’ITALIA: LA CORSA PASSA DA POGGIBONSI